Pista di atletica, decollano i lavori  «Si tratta di un sogno che si avvera»
Il progetto della pista di atletica che sorgerà vicino ad Aquagranda

Pista di atletica, decollano i lavori

«Si tratta di un sogno che si avvera»

Livigno, accese le ruspe per realizzare l’attesa struttura che sorgerà vicino ad Aquagranda. Galli: «Contatti con il Coni per creare un centro federale» - Moretti: «Polo dedicato allo sport».

Al via i lavori per la pista di atletica a Livigno, con incluso il campo da calcio. Il costo è di 1 milione e 700mila euro così ripartiti: 1 milione il Bim dello Spol, 500mila euro il Coni, 120mila euro la Provincia di Sondrio, i restanti 80mila il Comune di Livigno. Dopo la pausa invernale i lavori riprenderanno a maggio per concludersi nel settembre 2018. In attesa dei campioni, nell’area sono in azione le ruspe. Pista di atletica e campo di calcio sono obiettivi primari anche del vicesindaco Remo Galli, sostenitore del binomio sport-turismo, che  ha seguito l’iter da vicino.

La pista sorgerà vicino ad Aquagranda e sarà pronta per il 2018 dopo 12 mesi di lavori. Un ulteriore importante tassello per fare della località dell’Alta Valtellina un centro di preparazione olimpica. Livigno, a cui è stato assegnato da Aces Europe il titolo di Comune Europeo 2019 che verrà ufficializzato il 30 ottobre nel Salone d’Onore del Coni a Roma, diventa a tutti gli effetti una località dove ci si potrà allenare a 360 gradi e con i vantaggi dell’altura.

«Era un progetto a cui puntavamo da tempo, sono davvero felice - afferma Galli -. Ringrazio Regione Lombardia e l’assessore allo sport Antonio Rossi, che dall’inizio hanno assicurato il loro sostegno all’iniziativa. Solitamente per realizzare un progetto del genere ci vogliono 10 anni, mentre siamo riusciti a far tutto nella metà del tempo. In futuro vorremmo completare il centro sportivo con un campo da tennis coperto».

Galli guarda oltre: «Questa struttura per importanza turistica dovrà diventare quello che la pista di fondo rappresenta in inverno. Realizzare la pista di atletica rappresenta un sogno. Vogliamo aiutare i nostri operatori ad avere sempre più sportivi che scelgano gli allenamenti in altura in estate e per questo siamo in stretto contatto col Coni, per creare un centro federale. Spero davvero che questa struttura aiuti gli alberghi e chi affitta gli appartamenti ad aumentare il proprio fatturato in questo periodo di difficoltà».

«L’opera non graverà sulla casse del Comune, perché è stata finanziata in parte dal Bim e in parte da Provincia e Coni. Il futuro sportivo è una parte  fondamentale per aumentare le presenze durante il periodo estivo e puntare a una clientela  straniera». Non si dimentica il contesto sociale:« I nostri giovani avranno a disposizione una struttura sportiva in più».

Raggiante anche il presidente di Apt, Luca Moretti: «Sono molto soddisfatto che siano partiti i lavori. La pista di atletica darà grandi possibilità di attrarre sempre più atleti che vogliono fare preparazione sfruttando i vantaggi dell’altura. Con Aquagranda e la pista di atletica, Livigno diventa un polo importante dedicato allo sport. Penso che sarà una chiave anche per avere uno sviluppo turistico di un target vicino allo sport e alla vacanza active. Qui a Livigno il turista si potrà allenare a fianco dei grandi campioni dello sport». Gli atleti strizzano l’occhio: «Potersi allenare in quota è un vantaggio. Un plauso a Livigno e ai suoi amministratori», dichiara Silvia Salis olimpionica e consigliere federale Fidal.

© RIPRODUZIONE RISERVATA