Rogo nella notte, distrutti due alloggi

Madesimo Ingenti i danni provocati dall’incendio in via Innocente De Giacomi, ma non ci sono stati feriti. I vigili del fuoco hanno dovuto operare con grandi difficoltà: l’acqua ghiacciava per le temperature basse

Rogo nella notte, distrutti due alloggi
L’allarme per l’incendio è stato lanciato verso le 22,30

Nottata di paura per due famiglie di turisti saliti a Madesimo per trascorrere qualche giorno di vacanza.

Sono andati in fumo due appartamenti di una casa situata sul lato sinistro di via Innocente De Giacomi, località Scalcoggia, all’imbocco dell’abitato di Madesimo. L’allarme è stato lanciato verso le 22,30 quando le fiamme, probabilmente innescate da una canna fumaria non perfettamente funzionante, hanno intaccato il tetto dell’immobile.

Fino alle 6 del mattino

Dopo pochi minuti sul posto sono accorsi i vigili del fuoco della Vallespluga, ma a quel punto la situazione appariva già drammatica.

Chi alloggiava nella casa è stato trasferito subito in un albergo del paese. Fortunatamente l’episodio non ha provocato conseguenze per le persone.

Nessun ferito o intossicato, solamente una disavventura che sarà ricordata per parecchio tempo. In quel momento è iniziata una vera e propria battaglia tra i pompieri e le fiamme. Battaglia resa durissima dalle proibitive condizioni meteorologiche. Durante la notte, infatti, le temperature sono scese in picchiata fino a toccare i -12 gradi.

Temperature polari, che hanno fatto ghiacciare l’acqua utilizzata dai vigili del fuoco dopo pochi secondi, accompagnate da vento fortissimo, che ha rischiato di propagare le fiamme anche agli immobili adiacenti.

Eventualità scongiurata dalla professionalità dei vigili del fuoco del distaccamento di Campodolcino. Per la maggior parte volontari. L’intervento, coadiuvato dall’arrivo di un mezzo da Sondrio e di un’autobotte da Morbegno, è durato molte ore ed è stato seguito con apprensione dai molti madesimini e turisti che non ancora andati a letto si sono accorti delle fiamme.

Visibili anche a notevole distanza. Erano ormai le sei del mattino quando le fiamme sono state definitivamente domate e le squadre hanno potuto far rientro alla base. Stremati, dopo aver operato in condizioni estreme dal punto di vista climatico e con alti livelli di pericolo.

Il primo episodio

Praticamente distrutti entrambi gli alloggi dell’abitazione. Si tratta del primo episodio di questo tipo per la Valchiavenna durante l’inverno in corso.

Dopo i molti episodi del passato è cresciuta tra la popolazione la consapevolezza della necessità di avere sempre la canna fumaria della stufa o del camino in perfette condizioni e i casi si sono ridotti in modo considerevole.

L’ultimo episodio risaliva al gennaio del 2022, quando fu toccata una palazzina di via Marconi a Chiavenna. In quel caso con danni ridottissimi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA