Restyling di Pratogiano, a Chiavenna l’ultimo passo è l’assemblea

Mercoledì prossimo nella sala della Bps alle 21 l’amministrazione Della Bitta illustra il progetto.

Restyling di Pratogiano, a Chiavenna l’ultimo passo è l’assemblea
Su Pratogiano è previsto un progetto di riqualificazione profonda

Appuntamento al 24 maggio, alle 21, nella sala della filiale chiavennasca della Banca Popolare di Sondrio per quello che l’amministrazione comunale di Chiavenna ha definito la “conclusione della progettazione partecipata”. In realtà del progetto, quello nuovo dopo lo studio di fattibilità tecnico-economica dello scorso anno si sa già tutto o quasi. Si sa, ad esempio, che è stato stralciato il contestatissimo parco inclusivo e che l’altro tema, quello del taglio delle piante, sarà oggetto di particolari attenzioni e studi da parte di tecnici specializzati. La scorsa estate il tema aveva surriscaldato non poco il dibattito pubblico in città, con minoranza, associazioni e cittadini scettici in modo abbastanza univoco rispetto alla prima proposta avanzata dall’amministrazione comunale.

Come noto il progetto è sponsorizzato dalla Fondazione Cariplo nell’ambito dei progetti emblematici maggiori legati alla riqualificazione dell’area del centro storico e dei crotti di Chiavenna. Un’operazione da 350mila euro. Non l’unica per la zona. Finanziata anche la riqualificazione del parcheggio di via Principe Amedeo. Parcheggio che, però, prima va acquistato. Serviva una delibera del consiglio comunale, arrivata venerdì sera. Il consiglio ha dato mandato all’ufficio tecnico di procedere al rogito. L’area sarà acquistata dalle Ferrovie dello Stato per un costo complessivo, spese incluse, di 70 mila euro. «La decisione era già presa - ha spiegato il vicesindaco e assessore all’urbanistica e ai lavori pubblici Davide Tarabini - ma serviva il passaggio in consiglio comunale, essendo l’acquisto di immobili competenza di consiglio. Dopo questo passaggio potremo aprire l’iter che porterà all’avvio dei lavori». La cui conclusione dovrebbe arrivare entro l’anno.

Il consiglio comunale ha deciso la sorte di altri due immobili. Il primo è stato in pratica una presa d’atto della cessione a titolo gratuito dell’area del parcheggio di via Dalla Chiesa da parte del Credito Valtellinese. In questo caso rispetto alla situazione attuale non cambia niente né per il Comune né per i cittadini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA