La Milanesiana
Anche quest’anno
esordio a Sondrio

Eventi La rassegna di Elisabetta Sgarbi torna a Sondrio. Mostra e concerto con Simone Cristicchi il 4 giugno. Nello stesso giorno il festival diffuso dei nostri vini

La Milanesiana Anche quest’anno esordio a Sondrio
Dopo Enrico Ruggeri l’anno scorso, anche nel 2022 La Milanesiana di Elisabetta Sgarbi partirà da Sondrio

Estate nel segno di arte, cultura, paesaggio ed enogastronomia, Sondrio anticipa il calendario.

Non attende l’ufficialità del solstizio del 21 giugno la stagione degli appuntamenti dedicati a residenti e villeggianti che scelgono il capoluogo e la provincia per il proprio tempo libero: la data da segnare sul calendario è quella di sabato 4 giugno quando prenderanno il via due festival, il primo internazionale improntato ad arte e cultura - La Milanesiana -, il secondo tutto locale dedicato a paesaggio, gusto e buon vivere, il Valtellina wine festival.

Per il secondo anno consecutivo Sondrio ospiterà la giornata inaugurale del festival di respiro internazionale ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi che tesse relazioni tra letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia, teatro, diritto, economia e sport e che anno dopo anno diventa sempre più protagonista delle estati italiane. Sono oltre 60 gli appuntamenti in 20 città diverse, più di 150 ospiti e nove mostre, di questa XXIII edizione sotto il titolo di “Omissioni”.

Se l’anno scorso era stato il concerto di Enrico Ruggeri in piazza Garibaldi a dare il la alla rassegna, quest’anno l’appuntamento in città è doppio: alle 19 e alle 21, rispettivamente al Mvsa per la mostra “Omissioni” e al Teatro Sociale per il concerto “Abbi cura di me”, entrambi di Simone Cristicchi , noto per le sue canzoni, ma anche attore, scrittore, autore teatrale e disegnatore.

Sotto il segno della rosa simbolo della Milanesiana, rielaborata in questo 2022 per assumere i colori giallo e blu dell’Ucraina, quella del 4 giugno sarà l’occasione di incontrare i temi della rassegna e scoprire un artista a tutto tondo come Cristicchi .

Il 4 giugno è anche la data di inizio del festival diffuso dei vini di Valtellina, ideato dal Consorzio: sette appuntamenti per conoscere il Nebbiolo delle Alpi e i suoi produttori attraverso laboratori, degustazioni, cene di territorio, passeggiate in vigna e percorsi enogastronomici. Si parte a giugno con “Mangiar per vigna” ovvero la possibilità di pranzare all’aperto, nel verde e tra i terrazzamenti, con i produttori di vini e lo slow box dei ristoratori della Strada del vino. Il 9 luglio è la volta di “Valtellina wine trekking”, cinque percorsi di story-trekking lungo i nuovi anelli pedonali della Strada del vino, tra filari e scorci suggestivi.

Agosto si apre con quattro appuntamenti che ruotano tutti intorno a Calici di stelle: il primo agosto serata di assaggi con “Aspettando calici di stelle” a Sondrio; il 5 agosto “Calici in quota” a Livigno; domenica 7 agosto nuovamente nel capoluogo con “Calici d’autore”, cena di territorio a cura del Gruppo ristoratori della provincia di Sondrio e la notte di San Lorenzo il consueto “Calici di stelle” lungo le vie del centro storico del capoluogo. Gran finale sabato 24 settembre a Chiavenna con “Dire, fare, Nebbiolo”, laboratorio del gusto a cielo aperto nel centro della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA