«Il papà ha 98 anni   e nessuno lo vaccina»
Vittorio Ghiggi 98 anni con i figli a Villa Di Chiavenna. È in lista per essere vaccinato ma nessuno lo chiama

«Il papà ha 98 anni

e nessuno lo vaccina»

Villa di Chiavenna. Vittorio Ghiggi si è prenotato in farmacia più di un mese fa ma non è mai stato chiamato

Si chiama Vittorio Ghiggi, ed è con i suoi 98 anni il più anziano di Villa di Chiavenna. Si è prenotato tramite la farmacia del paese per la vaccinazione anti Covid oltre un mese fa, ma finora nessuno l’ha chiamato.

Uno dei tanti casi di malfunzionamento dell’organizzazione della campagna vaccinale in Lombardia. La famiglia dell’anziano, che per l’età decisamente avanzata fortunatamente gode di buona salute, ha comprensibilmente, un diavolo per capello.

«Sarebbe stato meglio non promettere nulla e chiamare le persone alle vaccinazioni senza creare aspettative – spiega la figlia Annamaria parlando a nome della famiglia - . Nostro padre percepisce la sua mancata chiamata come una discriminazione. Vede persone più giovani già vaccinate e non riesce a capire perché di lui si siano dimenticati».

La storia della prenotazione di Vittorio è paradigmatica e somiglia alle troppe che si registrano quotidianamente. Eppure la voglia di farla finita con la paura del Covid per Vittorio e i suoi famigliari era tanta: «Ogni giorno telegiornali, dibattiti e interviste ci esortano ad aderire alla campagna di vaccinazione anti-Covid, presentando tutto come “un dovere verso se stessi e verso gli altri” e come la sola via risolutiva per la situazione in cui ci troviamo da oltre un anno. Siamo ovviamente d’accordo. Crediamo che sia anche un diritto, soprattutto per i “grandi anziani”, la categoria più colpita dalla pandemia».

«C’è anche chi non crede nei vaccini, ma la nostra famiglia non è tra questi, tant’è che in data 17 febbraio abbiamo richiesto l’adesione alla campagna vaccinale anti Covid-19 per nostro padre, invalido 100% e, tra alcuni giorni ormai 98enne essendo nato nel 1923».

Qui deve essersi inceppato qualcosa, perché dal 18 febbraio sono cominciate le operazioni di vaccinazione all’ospedale di Chiavenna con i primi ultracentenari della valle. Non molte persone. I famigliari hanno chiesto informazioni a Ats e Regione ma non riescono ad ottenere risposte che risolvano il problema e facciano vaccinare il 98enne.


© RIPRODUZIONE RISERVATA