Villa di Tirano, non ce l’ha fatta

il papà ustionato con il figlio

È morto l’uomo di 44 anni, investito dalle fiamme con il figlio il 24 luglio in paese. Era stato trasferito all’ospedale Villa Scassi di Genova. Il figlioletto di 6 anni ancora ricoverato a Cesena

Villa di Tirano, non ce l’ha fatta il papà ustionato con il figlio
L’arrivo dei soccorsi in via Nazionale lo scorso 24 luglio

La notizia ieri mattina è rimbalzata tra la Valtellina e i Grigioni, portando un incredibile dolore nelle tante persone che lo conoscevano : non ce l’ha fatta il 44enne residente a Poschiavo ma di casa a Villa di Tirano, dove vive e la compagna, rimasto gravemente ustionato con il figlio di 6 anni sabato 24 luglio, investito da una fiammata mentre apriva il semirimorchio in un piazzale sul fianco della statale 38.

L’uomo è spirato ieri mattina all’ospedale Villa Scassi di Genova, dove era stato trasferito dopo un primo ricovero a Brescia. Nell’ incidente è rimasto gravemente ustionato anche il figlioletto di quasi 6 anni, ancora ricoverato al “Bufalini” di Cesena.

Il drammatico incidente era avvenuto alle 19.15 di sabato 24 luglio a Villa di Tirano. Papà e figlio si trovavano a Villa per trascorrere il week end con la compagna di lui.

Di rientro da una gita in moto, hanno parcheggiato l’auto su cui viaggiavano, una Passat station wagon, nel piazzale di via Nazionale, 138, proprio dove ha sede il Colorificio Spada e dove il 44enne, appassionato di moto, ha il proprio garage.

È lì, davanti al colorificio e davanti al garage, che si è consumata la tragedia. Perché una volta scesi dall’auto, il padre e il figlioletto si sono diretti verso il rimorchio dove avevano trasportato le moto da cross utilizzate durante l’escursione, due per adulti ed una, piccola, per bambini, utilizzata dal baby motociclista.

Ma quando il padre ha aperto il portellone del rimorchio, sia lui sia il figlioletto, che vive con la mamma a Tirano, sono stati investiti da una potente fiammata conseguente ad uno scoppio.

Una cosa spaventosa, che li ha completamente travolti e fatti sbalzare all’indietro. Hanno avuto la forza di sollevarsi e, pur se avvolti dalle fiamme, gettarsi nella piscina per bambini che si trovava poco distante. Una donna che risiede nei pressi ha assistito alla scena ed ha immediatamente chiamato i soccorsi. Molto impegnativo l’intervento sanitario. Il piccolo è stato trasportato all’ospedale pediatrico Buzzi, di Milano, e il padre è stato portato agli Spedali Civili di Brescia ma, subito dopo, trasferito, sempre in elicottero, al centro grandi ustionati Villa Scassi, di Sampierdarena, a Genova.

© RIPRODUZIONE RISERVATA