Piazza Basilica senza auto, firme on line  Il sindaco: «Si può provare nel weekend»
Il sindaco ricorda come la piazza sia uno snodo di collegamento con la Svizzera

Piazza Basilica senza auto, firme on line

Il sindaco: «Si può provare nel weekend»

Per ora sono solo 17 le persone che sembrano aver gradito la proposta

Il sindaco di Tirano, Spada: «Con la tangenziale Madonna avrà un peso diverso, pedonalizzare ora è sbagliato».

Piazza Basilica libera dalle auto? Da decenni se ne parla e tentativi di semi-pedonalizzazione non sono mancati. Arriva ora la proposta di pedonalizzare la piazza del santuario da parte di una petizione - in via di formazione - creata on line su Change.org, la società che gestisce la piattaforma on-line gratuita di campagne sociali, fondata nel 2007 negli Stati Uniti.

Il testo on line

«Con l’afflusso turistico che stanno vivendo Tirano e la basilica, troviamo assurdo mettere in difficoltà le centinaia di pedoni che frequentano la piazza a fronte di dodici parcheggi – si legge sulla petizione -. Il parcheggio selvaggio crea, inoltre, una vetrina disordinata. Riteniamo siano maturi i tempi per decisioni forti e consapevoli, numerosi sono gli esempi vincenti in valle e nei territori vicini. Basta avere un minimo di coraggio e la vivibilità del territorio sarà certamente migliore». Il coraggio è quello di togliere i posteggi dalla piazza, farla diventare totalmente pedonale. «Si darà modo ai numerosi visitatori di godere della straordinaria bellezza della basilica senza difficoltà alcuna. Mi riferisco soprattutto alle persone con disabilità, per le quali il disagio è ancora maggiore».

In base allo statuto di Change.org occorrono cento firme affinché la petizione sia considerata completa e possa, dunque, essere inviata al destinatario, nella fattispecie il sindaco di Tirano.

Ad oggi, però, i sostenitori sono “solo” diciassette. Ancora pochi per raggiungere il tetto prefissato, seppure il tema sia sentito dalla cittadinanza. «Un’amministrazione ha come obiettivo la trasformazione della propria città in una “smart city” incentivando pedonalizzazione e mobilità dolce, ma questo va fatto gradatamente – è il parere del sindaco, Franco Spada -. Pedonalizzare oggi piazza Basilica, senza aver fatto prima investimenti strutturali, creerebbe più danni che vantaggi. All’inizio del Novecento è stato costruito viale Italia per unire Madonna con Tirano. La tangenziale comporterà l’unione di Villa e Tirano in chiave urbanistica e Madonna prenderà una centralità e diventerà strategica ancor più di quanto lo è ora, visto che parliamo di uno snodo internazionale dei flussi fra la Svizzera e l’Italia. Oggi pedonalizzare farebbe rischiare la marginalizzazione della piazza. Si potrebbe magari pensare di attuarla, come sperimentazione, il sabato e la domenica».

Spada ricorda l’intervento di connessione pedonale fra la piazza e via Elvezia da poco realizzato e quello che si farà dalla parte opposta, in via Rasica. «So che per valorizzare la basilica occorre evitare che le auto entrino sulla piazza, ma questo è un punto di arrivo che richiede uno sviluppo decennale – conclude il sindaco -. È giusto che si inizi a parlarne, ma lo vorrei fare a 360 gradi. Oggi piazza Basilica ha momenti di concentrazione di persone, mentre spesso di sera è vuota. Ci vuole un equilibrio insomma. Inoltre un ragionamento andrà fatto anche in relazione alla riqualificazione urbanistica dell’ex complesso de Il Gabbiano».


© RIPRODUZIONE RISERVATA