Lavori in Svizzera: «Per andare a Livigno meglio passare da Bormio»

Tirano Identici i tempi di percorrenza per Livigno. passando dal Foscagno, nonostante i 30 km in più. Da Poschiavo in poi i lavori rallentano il traffico

Lavori in Svizzera: «Per andare a Livigno meglio passare da Bormio»
Il passo Forcola tra la Valposchiavo e Livigno

Il passo della Forcola è aperto dallo scorso lunedì 6 giugno, ma alla rotonda di Madonna di Tirano, in piazza Basilica, un segnale stradale con fondo giallo indica che la direzione preferenziale da seguire per Livigno è ancora quella verso Bormio e non lungo la Valposchiavo.

Chi, soprattutto ieri e sabato, ha scelto di valicare il confine svizzero e raggiungere o lasciare Livigno attraverso la Forcola e, quindi, la strada cantonale 29 non ha potuto evitare lunghe code in corrispondenza dei numerosi cantieri stradali che sono stati aperti nelle scorse settimane nel territorio del comune di Poschiavo. Il primo che si incontra è proprio nel centro del borgo elvetico, lì dove la strada attraversa con il ponte San Bartolomeo il fiume Poschiavino e passa ad essere sull’argine destro.

Il rifacimento del fondo stradale, che interesserà anche via da Spultri e proseguirà - secondo le previsioni dell’Ufficio tecnico cantonale - fino al 28 ottobre, lungo il giorno provoca rallentamenti, mentre la notte il traffico è a senso unico alternato con regolazione semaforica.

Una soluzione, invece, che è permanente per il cantiere aperto nella frazione di San Carlo, dove su via Principale si sta lavorando non solo al rifacimento del fondo stradale e dei servizi, ma anche a quello dei marciapiedi e degli accessi alle vie laterali. Fino al 9 settembre il cantiere si sposterà lentamente verso nord, lungo il paese.

Lasciate gli abitati, la viabilità torna a rallentare a monte di Pisciadello, verso Pozzolascio, poco prima di raggiungere Sfazù, da dove in molti scelgono di partire per le passeggiate in Val di Campo. Qui i cantieri che costringono gli automobilisti a viaggiare a senso unico alternato, regolato da semafori, sono due, posti a distanza di soli circa 400 metri l’uno dall’altro.

Ieri pomeriggio, dando uno sguardo alle indicazioni dei navigatori stradali che rilevano l’intensità del traffico, da Livigno ci voleva circa un’ora e quindici minuti per raggiungere Tirano sia attraverso il passo del Foscagno e Bormio che attraverso quello della Forcola e la Valposchiavo.

Nonostante il passaggio dalla Svizzera permetta di percorrere quasi 30 chilometri in meno, i diversi cantieri stradali quest’anno vanificheranno il risparmio di tempo. (A.Gia.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA