Gran premio di matematica

Samuele, quinto posto che brilla

Valfurva, hanno partecipato oltre 9mila concorrenti da tutta Italia. Orgogliosa l’insegnante di Compagnoni: «È stata una grande opportunità»

Gran premio di matematica Samuele, quinto posto che brilla
Samuele Compagnoni, il giovane valtellinese che si è distinto nel “Gran Premio di Matematica Applicata”

È Samuele Compagnoni di Valfurva, studente del quarto anno dell’istituto d’istruzione superiore “Alberti” di Bormio, il giovane valtellinese che si è distinto nell’edizione 2018 del “Gran premio di matematica applicata”, piazzandosi al quinto posto in mezzo a oltre 9mila studenti. Il concorso educativo, realizzato dal forum Ania-Consumatori in collaborazione con la facoltà di scienze bancarie, finanziarie e assicurative dell’università Cattolica del Sacro Cuore, ha visto il suo clou sabato con le premiazioni all’università, partner dell’iniziativa.

Sul gradino più alto del podio si è piazzato Giuseppe Di Fabio del liceo scientifico “G. Galilei” di Pescara che ha sbaragliato la concorrenza degli oltre cinquecento finalisti, piazzandosi davanti a Massimiliano Viola del liceo scientifico “C. Golgi” di Breno (Brescia), mentre Matteo Dell’Acqua dello scientifico “G. Galilei” di Legnano (Milano) si è classificato al terzo posto. I vincitori e i migliori classificati sono stati premiati insieme ai loro docenti con tablet e altri dispositivi multimediali alla presenza di autorevoli rappresentanti del mondo accademico e assicurativo. Il “Gran Premio” ha ottenuto il patrocinio del consiglio nazionale degli Attuari e di regione Lombardia e sta avendo un successo sempre maggiore. Quest’anno è riuscito a coinvolgere oltre 9.000 studenti, cioè circa un 18% in più di partecipanti rispetto al 2017, studenti provenienti da 142 istituti superiori che hanno affrontato quiz e problemi di logica, quesiti a risposta chiusa e aperta, attraverso i quali hanno misurato la loro capacità di applicare modelli matematici astratti alla vita reale. La competizione si è svolta come sempre in due fasi distinte: tutti gli studenti iscritti hanno sostenuto la prima prova nella scuola di appartenenza, mentre solo i migliori hanno partecipato alla finale dell’iniziativa, tenutasi il 23 febbraio scorso in contemporanea presso le sedi di Roma e Milano dell’Università Cattolica, momento che ha poi determinato la classifica definitiva.

Sulla performance di Samuele, figlio di Giovanni e di Cecilia Sosio di Valfurva, soddisfatta la docente Gabriella Bertoldi: «Consideriamo queste iniziative un’opportunità per confrontarsi con gli altri ma anche per visitare Milano e l’ateneo. Proprio durante le premiazioni era in corso l’open day, un momento importante per conoscere l’università. Per i nostri studenti l’iniziativa ha rappresentato anche una bella occasione per mettersi in gioco e, visti gli ottimi risultati, come istituto non possiamo che esserne orgogliosi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA