Vandali sul sentiero Valtellina
e nel Parco delle Orobie
Hanno usato la motosega

Hanno usato una motosega per tranciare panchine e giochi per i bambini

Vandali sul sentiero Valtellina e nel Parco delle Orobie Hanno usato la motosega
Il tavolo rubato: sono rimaste le gambe segate in località Gaggio nel parco delle Orobie

Sentiero Valtellina nel mirino dei vandali. Neanche il tempo di riaprire la pista ciclo-pedonale dopo la lunga pausa invernale, che già mani ignote hanno agito: armate di motosega hanno tagliato un’altalena, sulla quale si divertono i bambini. Ma non solo: sono state imbrattate con scritte dei tavoli, un cestino porta rifiuti e una fontanella, dalla quale hanno portato via il rubinetto.

Su tutte le furie il presidente della Comunità montana di Sondrio, che stigmatizza l’accaduto: «Esprimo il massimo disprezzo per un gesto tanto inqualificabile, che colpisce tutta la collettività - afferma Tiziano Maffezzini -. L’assenza di civiltà e di rispetto, che sono alla base di gesti simili, vanificano l’impegno degli enti e dei tanti, che fruiscono delle opportunità loro offerte».

La scoperta è stata fatta dai tecnici dell’ente comprensoriale proprio nella giornata, che ha segnato, come da regolamento, la riapertura ufficiale del Sentiero: «Durante un sopralluogo martedì primo marzo l’amara sorpresa - spiega Paolo Ferrari, responsabile dell’Area tecnica dell’ente comprensoriale -. Un sopralluogo, al quale ha partecipato anche la squadra che fa le manutenzioni, appositamente per verificare se c’era qualcosa da sistemare». I vandali hanno agito nell’area di sosta sul territorio comunale di Caiolo, «rovinando con scritte sia il tavolo, che il cestino e anche la fontanella, tutti in legno - spiega nel dettaglio Ferrari -. Si sono portati via anche il rubinetto».

Mentre l’altalena è stata segata nell’area di sosta che si trova ad Albosaggia, poco distante dalla cooperativa agricola: «Siamo rimasti letteralmente senza parole. Purtroppo non è la prima volta, che assistiamo ad atti vandalici sulla pista ciclo-pedonale, ma non ci era mai capitato di trovare una cosa del genere: cioè che distruggessero usando addirittura una motosega, senza pensare al danno arrecato e scordandosi che è un gioco per bimbi». Un tronco peraltro non leggero, trattandosi di legno di robinia. Quindi non facilmente trasportabile. Il che avrà richiesto l’uso di un mezzo..

Ma non solo sul Sentiero Valtellina, ignoti hanno agito con la motosega. È successo di recente anche sul territorio comunale di Piateda: in una nuova area di sosta in località Gaggio, realizzata dal Parco delle Orobie, hanno segato le gambe di un tavolo e se lo sono rubato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA