Troppo pericolosa, chiusa fino a martedì la via per Franscia

Lanzada: proseguono i lavori dopo la frana di domenica, transenne e presidio delle forze dell’ordine.

Troppo pericolosa, chiusa fino a martedì la via per Franscia
Operai al lavoro per l’ancoraggio

Resta chiusa fino a martedì, la strada comunale che da Lanzada porta a Franscia. Troppo impegnativi i lavori di messa in sicurezza del versante per permettere un’apertura anticipata, come si ipotizzava, entro la giornata odierna, così da permettere ai possessori delle baita e ai rifugisti di raggiungere le alte quote di Campo Moro, Alpe Gera e Campagneda.

«Ci sono i lavori in corso, parecchio impegnativi, ed è troppo pericoloso permettere il passaggio – precisa Cristian Nana, assessore ai Lavori pubblici di Lanzada, che ha il polso della situazione -. Per questo abbiamo posto le transenne a valle e a monte del cantiere, con apposita ordinanza che vieta il transito, e abbiamo avvisato le forze dell’ordine che hanno garantito il presidio della zona. Raccomandiamo a tutti di non transitare e, quindi, massima prudenza».

Del resto, come evidenziano chiaramente le foto, il costone roccioso franato nel tardo pomeriggio di domenica scorsa, con dieci metri cubi di materiale finito in strada, richiede un grosso lavoro da parte delle maestranze, gli uomini della Lorenzo Nani snc e della Engeco, per essere ancorato e contenuto a dovere.

«Questa mattina (ieri, per chi legge, nda) – precisa l’assessore Nana – sono state fissate le centine, ovvero le armature che permettono l’arcoraggio dei due costoni rocciosi, a rischio di cedimento, alla roccia sottostante, e per far questo sono stati praticati otto megafori da nove centimentri ciascuno, per otto metri di profondità. In questo modo, i piloni di roccia pericolante verranno fissati e resi “innocui”. Allo stesso modo, più a monte, stiamo realizzando un muro di cemento armato di otto metri di lunghezza per quattro di altezza, capace di garantire la sicurezza di quel versante. Solo a lavori ultimati, la strada tornerà percorribile e sicura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA