Ponti e ciclostazione

Opere pubbliche

in dirittura d’arrivo

Il puntoPer fine ottobre la passerella alle Cassandre

Ponti e ciclostazione Opere pubbliche in dirittura d’arrivo
La passerella sospesa sulle Cassandre tra Mossini e Ponchiera
(Foto di foto gianatti)

La passerella sospesa alle Cassandre pronta per la fine di ottobre, così come quella di collegamento tra il quartiere della Piastra e il parco Bartesaghi, poi il marciapiede a sbalzo sul Mallero sempre nel quartiere sud ovest, ma prima ancora la ciclostazione in piazzale Bertacchi che dovrebbe aprire per fine mese. Senza dimenticare le manutenzioni di strade e la messa in sicurezza dei ponti, quelli più vecchi che fanno da cerniera in città lungo tutta l’asta del torrente Mallero.

Archiviato agosto e con esso l’estate che giorno dopo giorno cede il passo all’autunno con la ripresa delle attività lavorative e scolastiche, Sondrio si prepara per una stagione che si prospetta ricca di novità e inaugurazioni come non mai.

Sospesa

È l’attesissima passerella alle Cassandre, realizzata a 100 metri dal Mallero, destinata ad essere la star dell’autunno. Ormai, è questione di poco. La soletta in calcestruzzo è già stata gettata - l’operazione è avvenuta prima di Ferragosto - e sono stati montati anche i parapetti metallici alti. La prossima settimana si procederà con le opere di collegamento del ponte sui due versanti, partendo da quello di Mossini, quindi verranno completate le finiture e, se non subentreranno contrattempi, la struttura sarà pronta per le opere di collaudo che richiederanno alcune settimane.

«Sappiamo che l’opera è molto attesa - sottolinea il sindaco Marco Scaramellini -: ormai ci siamo e riteniamo che per la fine di ottobre la passerella sarà pronta. In tre anni siamo riusciti a progettarla, a reperire i finanziamenti e infine a realizzarla entro i tempi stabiliti contando sulla condivisione e sul sostegno di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo, senza dover attingere alle risorse comunali. L’opera migliora l’attrattività della nostra città e consente di completare un ampio anello escursionistico che unisce il Sentiero Valtellina, la città, il Sentiero Rusca e la Via dei terrazzamenti». La Valtellina Wine trail l’ha prenotata per il passaggio: il 20 novembre ospiterà la gara.

La ex mensa

Ma ad aprire la serie dei tagli di nastri in città sarà la ciclostazione in piazzale Bertacchi, nell’ex mensa ferroviaria, che nei piani dell’amministrazione comunale avrebbe dovuto aprire per l’estate, ma che ha scontato, come molti altri cantieri pubblici e privati, i problemi legati all’approvvigionamento di materie prime a causa dei lavori legati al bonus facciate e al superbonus 110%. «Purtroppo in questo periodo i fornitori non riescono a rispettare le scadenze» aveva detto qualche settimana fa l’assessore alla Mobilità Carlo Mazza. A mancare sono ancora le rastrelliere e varie attrezzature. «Stiamo definendo i tempi con i partner - dice Mazza -, la speranza è di riuscire finalmente ad aprire a fine mese».

I locali ospitano già da qualche settimana Abaco, la società che gestisce la sosta in città e che si occuperà anche di questo servizio che sarà aperto sette giorni su sette, domenica e festivi compresi, e che si compone di un ricovero per le biciclette, di un’officina per piccole riparazioni e del noleggio di e-bike con tanto di colonnine di ricarica, ovviamente.

Parco Bartesaghi

Attesa e ritardi anche per il ponte ciclopedonale al parco Bartesaghi, la struttura a campata unica con due archi in acciaio zincato dipinto di bianco, lunga 63 metri e larga 4 metri tra pista ciclabile (2,5 metri) e percorso pedonale, varato all’inizio di luglio, il 5 per l’esattezza, parte del cosiddetto piano periferie. La soletta in calcestruzzo è stata gettata, come è possibile vedere tutti coloro che vanno al parco, a mancare è la finitura con anche i parapetti e, soprattutto, la sistemazione delle aree di accesso e approdo da entrambi i lati che fanno dilatare i tempi, già allungati rispetto alle ipotesi iniziali, e la sistemazione del parcheggio del bocciodromo e il collegamento con la via Gramsci. «L’orizzonte temporale - dice l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Massera - è ragionevolmente quello della fine di ottobre». In un testa a testa con la passerella alle Cassandre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA