Nuovo PalaMerizzi
I soldi ci sono
senza fare mutui

Opere Massera: «Abbiamo avuto i fondi per le Olimpiadi Con le risorse rimaste sistemeremo la palestra ex Balilla E c’è un avanzo di 800mila euro per fare manutenzioni»

Nuovo PalaMerizzi I soldi ci sono senza fare mutui

Fondo manutenzioni straordinarie più ricco, in particolare per strade e scuole, rimodulazione delle fonti di finanziamento di interventi già programmati che consente al Comune di non accendere mutui e un’opera aggiuntiva all’interno del rifacimento del PalaMerizzi.

Sono i risultati dell’applicazione di una parte dell’avanzo di amministrazione contenuta nel secondo adeguamento al programma delle opere pubbliche del Comune di Sondrio che con gli ultimi aggiustamenti - 2,3 milioni di euro in più in tutto – arriva per quest’anno alla cifra complessiva di 33 milioni di euro.

Una cifra cospicua

È stato l’assessore alla partita Andrea Massera a illustrare le novità ai membri della commissione terza a partire dall’impiego di 834mila euro dell’avanzo di amministrazione 2021. «Una cifra cospicua - ha spiegato - che mettiamo in parte sul capitolo delle manutenzioni straordinarie e in parte usiamo per il completamento della copertura economica di progetti già in larga parte finanziati da soggetti terzi senza dover ricorrere ad altre fonti. Cosa che ci permette di riuscire a coprire tutto il programma senza dover accendere mutui, cosa che avevamo in parte previsto, liberando anche risorse dell’Aqst che possiamo così destinare ad altre opere».

È il caso della riqualificazione del PalaMerizzi, un progetto dal costo complessivo di 3 milioni di euro per il quale a programma erano iscritti 1,5 milioni di euro di fondi regionali già acquisiti, 700mila euro di Aqst e la previsione dell’accensione di un mutuo da 800mila euro.

Investimenti

«Ma - spiega Massera - abbiamo ottenuto l’intera cifra sul capitolo olimpico, dai fondi stanziati dal ministero del Turismo per il miglioramento dell’attrattività dei territori in convenzione con la Regione. E dunque liberiamo i 700mila euro dell’Aqst e non abbiamo bisogno di alcun prestito, cosa che ci consente di mantenere intatta la capacità di accensione dei mutui che potrebbe tornar utile per altri interventi».

Non solo. Il milione e mezzo già acquisito dalla Regione non andrà perso, ma servirà a sistemare la palestra presente nell’ex Balilla sempre nel complesso del PalaMerizzi. Un impianto attualmente utilizzato per la ginnastica che versa in situazioni piuttosto deficitarie sia per quanto riguarda la pavimentazione che la copertura. «La palestra non sarà più la casa della ginnastica - dice Massera -, ma avremo comunque un luogo per lo sport importante in centro città».

I 700mila euro “liberati” dall’Aqst saranno invece destinati alla messa a norma della scuola media Torelli. «Avevamo un quadro economico da 1,5 milioni di euro - spiega Massera - che abbiamo dovuto incrementare vista la dinamica di aumento dei costi delle materie prime. Adesso tra i 900mila euro di fondi statali e questi 700mila arriviamo a 1,6 milioni di euro».

Il fondo

Il fondo di amministrazione servirà invece per manutenzioni e compartecipazione su progetti già finanziati. Duecentomila euro sono destinati alle manutenzioni straordinarie stradali - «cifra che nel complesso, con l’aggiunta anche di entrate da alienazioni, arriva a poco più di un milione» spiega l’assessore -; 90mila euro a quelle delle scuole per un totale di 331mila euro; 21mila euro in più per gli edifici comunali e 20mila per la manutenzione straordinaria del verde.

Quanto alle compartecipazioni ci sono 53mila euro per l’intervento di realizzazione delle aree dello sport alla Piastra dal valore complessivo di 553mila euro finanziato su un bando regionale un anno e mezzo fa e il cui appalto è previsto a breve; 50mila euro per la sistemazione dell’incrocio al Moncucco (progetto da 350mila euro); 100mila euro per la compartecipazione alla sistemazione della Via dei palazzi cui si aggiungono altri 130mila per alcune migliorie sui sottoservizi e sulla rete delle acque bianche; 20mila euro per la progettazione del collegamento ciclopedonale con Ponchiera per il quale il Comune ha ottenuto un milione di fondi nazionali per la rigenerazione urbana legata al Pnrr e 60mila euro per la coprogettazione dell’intervento di realizzazione della pista ciclabile su viale dello Stadio e per la sistemazione dell’area della Castellina. Progetto complessivo da 2,9 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA