Non solo vino, anche musica e sport  Oggi si alza il sipario sul Ciapèl d’oro
La festa al termine dell’edizione dello scorso anno

Non solo vino, anche musica e sport

Oggi si alza il sipario sul Ciapèl d’oro

Inizia questa sera a Castione la quattro giorni di mostra-concorso promossa dalla Pro loco

Musica, gusto, sport, ma anche e soprattutto vino: spegne 32 candeline e cala il poker il Ciapèl d’oro, la quattro giorni di mostra-concorso promossa dalla Pro loco di Castione, che si inaugura stasera nei giardini di Villa Parravicini , teatro alle 19 del concerto dei “3 of visions”: Bebo Ferra alla chitarra, Paolino Dalla Porta al contrabbasso, Fabrizio Sferra alla batteria, tre dei più sorprendenti musicisti nel panorama nazionale e non solo.

Alle 20,30 all’ombra della tensostruttura di via Vanoni la pizzocherata a con il pianobar di Consuelo. Un’edizione che vede la Pro loco interagire con enti, istituzioni, associazioni per rendere l’evento ancor più spettacolare e articolato. A cominciare dallo sport: in collaborazione con Indomita Valtellina River per tutti i quattro giorni ci si potrà cimentare con discese di rafting, lungo l’Adda. Oppure domenica pomeriggio dedicarsi all’arrampicata con “SASSella Facile”: l’appuntamento è alle 16 alla palestra comunale della Sassella dove i volontari del Cai daranno a grandi e piccini la possibilità di provare l’emozione dell’arrampicata in sicurezza.

Chi invece è appassionato di vigneti e di cantine – è richiesta la prenotazione rivolgendosi a Marta al numero 3921282626 – potrà partecipare a visite guidate tra Castione e dintorni.

Musica immancabile

Altro ingrediente, immancabile, la musica: si prosegue domani sera con una discoteca sotto le stelle che vede in consolle Julian’s Duca Dj . Si prosegue sabato sera con ritmi latino-americani e la “Noche tropical” animata da Arky & Lisha, infine domenica sera da non perdere la band castionese SuDiTono. Sia sabato che domenica, inoltre, si continua a ballare fino a notte fonda sui successi dance proposti da Nickkj Dj di Radio V.

Ma il protagonista numero uno rimane sempre (e solo) il vino. Quello prodotto da piccoli viticoltori locali, i cui campioni raccolti nei giorni scorsi saranno valutati da una giuria di massimi esperti che, domenica alle 18, decreterà la rosa dei vincitori. Con una sezione speciale quest’anno: è dedicata ai giovani dai 18 ai 26 anni, i cui migliori potranno beneficiare di un anno di assistenza gratuita da parte dei tecnici esperti della Fondazione Fojanini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA