In ventimila per la settimana del Sondrio Festival

In ventimila per la settimana del Sondrio Festival

Tante le presenze fra rassegna, attività didattiche e iniziative collaterali, ma per gli organizzatori è stato importante soprattutto aver trasportato con successo lo spirito della Midop al Teatro sociale.

Dopo tanti anni nella tensostruttura allestita in piazza Garibaldi, per la Mostra internazionale dei documentari sui parchi l’edizione 2015, la numero 29, ha segnato il trasloco nel Teatro sociale appena restaurato. «C’era un po’ di timore per questa novità - sottolinea l’assessore alla cultura Marina Cotelli -, visto che da un contesto molto informale come la tensostruttura si sarebbe passati ad una situazione con più regole e con un’impostazione diversa, partendo dalla necessità di applicare le norme di sicurezza sul numero di spettatori. Ma già dai primi appuntamenti la paura è passata, perché il pubblico ha interpretato al meglio questa nuova situazione e ha continuato a dare corpo allo spirito del festival».

Per Assomidop la ventinovesima edizione della rassegna si chiude quindi con un bilancio positivo, anche per le attività didattiche che hanno avuto una risposta molto ampia da parte delle scuole. Il prossimo anno segnerà un anniversario importante per il Sondrio Festival, il trentesimo anno di vita, e gli organizzatori hanno intenzione di celebrarlo come merita.

Dall’esperienza di quest’anno intanto è già emersa qualche indicazione operativa, spiega l’assessore: «C’è già l’idea di allestire uno spazio-salotto esterno più ampio della tensostruttura di quest’anno - afferma Cotelli -, per dare più possibilità di partecipazione, ma bisognerà superare la questione budget».


© RIPRODUZIONE RISERVATA