Concorso di scienza

Vince il Piazzi Lena Perpenti

con Nicholas e Sofia

Successo Duca e Vanotti frequentano la 5A classico

Hanno trovato l’errore della bomba nel film di Kubrick

Concorso di scienza Vince il Piazzi Lena Perpenti con Nicholas e Sofia
Il laboratorio del liceo Lena Piazza Perpenti, la scuola punta molto sulle materie scientifiche

Sono del liceo “Piazzi Lena Perpenti” di Sondrio i vincitori del concorso ScienzaPerTutti indetto dall’Istituto nazionale di fisica nucleare.

Con lo pseudonimo di “Procione stanco”, Nicholas Duca e Sofia Vanotti della 5A classico si sono, infatti, qualificati al primo posto assoluto per la categoria del triennio delle scuole superiori, battendo una cinquantina di gruppi partecipanti da tutta Italia.

Originali Busi e due Simoncini

«È la prima volta che prendiamo parte a questo concorso – dal tema “La fisica sbagliata” – e siamo davvero orgogliosi per i successi ottenuti dai nostri studenti», conferma Paola Paruscio, docente e coordinatrice del dipartimento di matematica e fisica.

Il gruppo del “Procione stanco” ha vinto grazie all’originalità e alla qualità del lavoro presentato.

Nella fattispecie, i due maturandi sondriesi si sono soffermati sul noto film “Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba” di Stanley Kubrick analizzando la scena dello sgancio della bomba ed evidenziando il perché ciò non sia possibile dinamicamente.

Obiettivo del concorso era, infatti, individuare un errore in campo artistico e saperlo confutare mediante un video, un testo descrittivo e un “meme”.

Non è, però, l’unico risultato conseguito dal liceo sondriese. Hanno ottenuto, infatti, una menzione “per l’originalità dell’errore” anche Chiara Busi, Antonio Simoncini e Monica Simoncini, sempre della quinta classico. Il loro lavoro ha preso spunto da una scena de “Lo hobbit” per parlare di spinta idrostatica ed equilibrio di un corpo galleggiante.

Giochi di matematica

E il liceo diretto da Giovanna Bruno non eccelle soltanto nel campo della fisica.

«Dei 9 alunni – aggiunge la professoressa Paruscio, la quale ringrazia per la collaborazione la collega Aurelia Tocalli – qualificatisi per la semifinale dei giochi matematici organizzati dal centro Pristem dell’università Bocconi, ben 8 accederanno alla finale nazionale».

In questo caso i complimenti vanno a Marta Motalli, Fabian Duca, Chiara Ruffoni, Alessandro Mazzoni, Giulio Motalli, Maria De Paoli, Anna Galli e Matilde Gianola, studenti dalla prima alla quinta sempre del liceo classico.

«Potrebbe sembrare strano – continua Paruscio – che in un istituto con indirizzi prettamente umanistici un numero significativo di alunni si appassioni alle materie scientifiche ed ottenga brillanti risultati nelle gare in cui si cimenta».

Tuttavia, «i progetti a cui aderiamo potenziano quelle competenze trasversali sempre più richieste ai ragazzi, andando a implementare lo sguardo critico e a favorire l’utilizzo di strategie di risoluzione alternative ed eleganti, con l’applicazione di logica, creatività e abilità acquisite anche in altri ambiti».

Bacheca scientifica, 60 iscritti

Proprio per questo motivo, da quest’anno il liceo ha proposto la “Bacheca scientifica”, uno spazio virtuale con curiosità dal mondo delle scienze, letture consigliate e giochi matematici.

«Si sono iscritti ben 60 alunni, davvero un grande successo», conferma ancora la docente.

E conclude: «Il nostro obiettivo è che matematica e fisica non si riducano ad una sequenza definita di regole rigorose, leggi e tecniche di calcolo da applicare pedissequamente, ma diventino parte integrante del nostro modo di osservare e decifrare il mondo che ci circonda». Un approccio che sta dando ottimi frutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA