Ciapel d’oro alla ricerca di volontari

Il sindaco lancia un appello per trovare chi abbia vogliadi dedicare il proprio tempo alla comunità

Ciapel d’oro alla ricerca di volontari
Sono i volontari l’anima delle manifestazioni in paese

Cercasi nuove leve disposte ad investire parte del proprio tempo libero a favore della comunità in cui vivono. A lanciare l’appello è il sindaco di Castione, che da una parte riconosce quanto il volontariato sia stato sempre una prerogativa del paese di cui è al governo, ma dall’altra lancia l’allarme a fronte di un calo che si sta registrando, forse anche a causa del crescente numero di iniziative in calendario.

«Ultimamente c’è una certa difficoltà a trovare persone che abbiano voglia di mettersi in gioco: lo si avverte e mi è anche stato segnalato» la constatazione di Massimiliano Franchetti, che rimarca come in qualsiasi piccolo paese, Castione ad esempio, «la comunità riesce a crescere e a migliorarsi solo se si uniscono le forze».

Ci vuole solo buona volontà e se ciascuno fa la sua parte, anche se piccola, si riescono a fare grandi cose. Come organizzare una mostra-concorso come il Ciapel d’oro, unica nel suo genere, «una grande manifestazione vitivinicola, che però non nasce per volontà divina, né spunta come un fungo estivo». Per dare sempre più lustro all’evento, c’è bisogno di tanta gente «che si “sporchi” le mani per la buona riuscita - la sottolineatura di Franchetti -. Per questo invito quanti più abbiano voglia a dedicarsi al Ciapel d’oro». Ma non solo anche alle iniziative che il settore dell’associazionismo organizza in paese: dalle Penne nere alla banda, alla Protezione civile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA