Cantieri in città
in via Bernina
Poi viale Stadio

Slitta in autunno la realizzazione della rotonda, mentre partirà a settimane la riqualificazione della strada per la Valmalenco

Cantieri in città in via Bernina Poi viale Stadio
I lavori per la rotonda in viale Stadio rinviati in autunno

Avrebbero dovuto iniziare il 20 luglio, così aveva annunciato il Comune con tanto di ordinanza di divieto di sosta e circolazione già firmata dal comandante della Polizia locale. Erano stati piazzati la casetta di cantiere e i cartelli di divieto di sosta nel parcheggio interessato dalle opere, ma con il passare dei giorni non solo dei lavori per la realizzazione della rotonda in viale dello Stadio non si è vista alcuna traccia, ma anzi cartelli e casetta sono scomparsi.

A notarlo soprattutto i residenti in zona e tutti coloro che per questioni lavorative transitano per l’ingresso ovest di Sondrio e che, pronti alla viabilità alternativa (i lavori avrebbero interdetto il transito nel sottopasso di via Ventina), si sono chiesti che fine avesse fatto il cantiere. Ebbene, senza alcun annuncio, si è spostato più a nord, in via Bernina, l’altra parte interessata dall’intervento appaltato all’impresa Rigamonti di Sondrio.

«Da martedì - spiega l’assessore alle Opere pubbliche Andrea Massera cui abbiamo chiesto spiegazioni del cantiere fantasma - l’impresa ha cominciato a lavorare tra via del Grosso e via Bernina. Nessun ritardo sul cronoprogramma, semplicemente per esigenze di cantiere intervenute, non ultime quelle legate alla necessità di spostare alcuni sottoservizi tra cui la cabina della Telecom, dopo un confronto con l’impresa e il responsabile unico del procedimento (rup), su indicazione della direzione lavori abbiamo deciso di partire dal comparto di via Bernina dove le opere dovrebbero finire prima dell’inizio della scuola». E dove però l’intervento comporterà l’istituzione di un senso unico per le auto in salita verso la Valmalenco, mentre quelle in discesa dovranno prendere percorsi alternativi: via don Lucchinetti per andare verso Milano e via del Grosso per il centro città. «In questa prima parte sarà necessario rivedere la viabilità» conferma Massera.

Date al momento non ce ne sono e neppure ordinanze di limitazione del traffico. «Visti i cambiamenti di programma dobbiamo rifare il punto - dice il comandante della Polizia locale Mauro Bradanini -. All’inizio della prossima settima ci confronteremo per valutare le varie fasi del cantiere e dunque i provvedimenti necessari». Sicuramente, considerando che i lavori dureranno un mese e mezzo con conclusione a settembre, le limitazioni interesseranno il mese di agosto, quando cioè il tasso di turisti in Valmalenco è più elevato.

Una volta concluse le opere in via Bernina, dove sono previsti interventi di messa in sicurezza per pedoni e ciclisti attraverso la realizzazione di isole spartitraffico, l’allargamento dei marciapiedi, l’eliminazione di barriere architettoniche, l’installazione di illuminazione adattiva e di spazi adeguati per le fermate dell’autobus, il cantiere - e sarà autunno - si sposterà in viale dello Stadio dove per le prime quattro settimane, nel periodo in cui saranno riprese le attività lavorative e scolastiche, sarà chiuso il sottopasso di via Ventina.

In tutto ciò, assicura l’assessore Massera, il cronoprogramma delle opere - finanziate con 390mila euro di contributi - non cambia: restano confermate le 14 settimane di lavori con l’interruzione di Ferragosto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA