Asst cerca 59 medici e 20 infermieri

Sanità in crisi Sono incarichi a tempo determinato: il bando segue quello che era già stato pubblicato in luglio

Asst cerca 59 medici e 20 infermieri
L’ospedale di Sondrio, sede dell’Asst Valtellina e Alto Lario

Sono note le gravi carenze di personale nell’organico di Asst Valtellina e Alto Lario, così come nelle strutture socio sanitarie e assistenziali della nostra provincia e nella medicina territoriale: fa specie tuttavia il fatto che dopo aver pubblicato in luglio 14 avvisi pubblici per la ricerca di 62 medici che andassero a coprire servizio a rischio in Asst, ecco che un’ennesima ricerca è stata avviata martedì.

Contratti a tempo

Con l’indizione di altri 13 avvisi pubblici per la copertura, sempre a tempo determinato, di 59 posti per medici riferiti a 13 discipline. Più precisamente: otto posti vacanti in anestesia e rianimazione, sei in pediatria, cinque ciascuno nelle branche di radiologia, di ortopedia e traumatologia e di chirurgia d’accettazione e d’urgenza e ancora, quattro posti sono vacanti nelle discipline di igiene, epidemiologia e sanità pubblica, in cardiologia, in malattie dell’apparato respiratorio, in ostetricia e ginecologia, in malattie infettive e in neurologia, mentre sono tre i posti vacanti in nefrologia e altrettanti in medicina interna.

Questo “l’elenco della spesa”, non è dissimile da quello che era nell’avviso pubblicato sempre da Asst Valtellina e Alto Lario nel luglio dello scorso anno e che a sua volta seguiva altre due ricerche rimaste senza esito avviate il 28 dicembre 2021 e il 9 giugno 2022.

Le selezioni

«Attualmente il personale medico che afferisce alle 13 discipline per le quali sono stati indetti gli avvisi - è scritto nella delibera di Asst Valtellina e Alto Lario - è appena sufficiente a garantire l’erogazione delle prestazioni sanitarie nel rispetto dei livelli essenziali di assistenza, per cui si ravvisa la necessità di avviare queste procedure selettive, per soli titoli, fino alla copertura dei 59 posti messi a bando e comunque, fino al 30 giugno. Tenuto conto che, la selezione verrà espletata con cadenza quindicinale a partire da subito tra quanti avranno presentato domanda di partecipazione nei 14 giorni precedenti».

Si tratterà di capire, però, se vi sarà effettivamente adesione a questi bandi, perché fino a ora anche quelli già esperiti non hanno avuto grande seguito o consentito particolari ingaggi. Di ieri è anche l’indizione di un avviso pubblico per 20 posti di infermiere a tempo determinato, da inserire in staff da subito in Asst Valtellina e Alto Lario con domanda presentabile fino al 30 giugno (ore 23.59).

Gli altri posti vacanti

Questo per quanto riguarda gli avvisi pubblici a tempo determinato, cui si ricorre quando si ha bisogno urgente di personale, ma poi ci sono molte procedure di concorso aperte per medici, infermieri, tecnici, operatori socio sanitari, personale amministrativo. Oltre alle coperture di incarichi di vertice, come i primariati, oggi direttori di strutture complesse.

Al riguardo, al momento, è vacante il ruolo ricoperto fino al 16 dicembre da Ciro Sportelli, direttore dell’Ostetricia e ginecologia aziendale, che ha lasciato per la pensione. Il suo incarico è stato attribuito a titolo di facente funzione a Francesco Saverio Delzotti, già responsabile della struttura semplice di Ecografia ginecologica, tra l’altro l’unico a far pervenire la propria candidatura.

L’incarico di sostituto facente funzioni in Anatomia patologica, altro primariato scoperto, è stato attribuito con avviso interno a Massimo Prada. Vi avevano partecipato altri due colleghi, ma privi del requisito di anzianità richiesto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA