Addio Donegani e Piazzi Lena Perpenti

Nasce il Polo liceale Città di Sondrio

ScuolaScelta la denominazione del nuovo istituto da 1.200 studenti che nascerà dalla fusione

Addio Donegani e Piazzi Lena Perpenti Nasce il Polo liceale Città di Sondrio
L’ingresso del liceo scientifico Donegani

Che dal primo settembre 2021nel capoluogo si venisse a creare un’unica famiglia, scolasticamente parlando, è già cosa nota. Dall’autunno scorso si ha l’ufficialità della creazione di un polo liceale, di cui ora però si conosce anche il nome: polo liceale Città di Sondrio.

Così si chiameranno tra pochi mesi il liceo Donegani e il Piazzi Lena Perpenti (Plp). Due nomi, questi, che rimarranno scritti solo all’entrata dei due plessi, confluendo in un’unica realtà.

La decisione

La scuola ha già deliberato la scelta di chiamarlo polo liceale Città di Sondrio. Il Comune ha approvato la decisione assunta dalla parte scolastica. Come confermano dall’Ufficio scolastico territoriale anche il decreto è stato emesso. Mancano solo degli aspetti tecnico-burocratici.

Fatto sta che la mappatura delle scuole superiori di Valtellina e Valchiavenna cambia dal primo settembre faccia, con i licei sondriesi riuniti. Per l’esattezza sette indirizzi: il liceo scientifico - Donegani per intenderci -, sia il percorso tradizionale, che delle scienze applicate, e quello ad indirizzo sportivo, a cui si aggiungono - Plp - il liceo linguistico, quello delle scienze umane, l’economico-sociale e il liceo classico. Quest’ultimo, è anche il più “anziano”, risalendo le sue origini almeno agli albori del secolo scorso.

«La costituzione del polo liceale è stata una scelta condivisa da tutti gli attori e ben accolta dagli stessi docenti - interviene dall’Ufficio scolastico territoriale di Sondrio il dirigente Fabio Molinari -. Credo che avere a Sondrio un unico polo liceale che arriva ad avere circa 1.200 studenti rappresenti un’ottima occasione di riorganizzazione di un percorso».

Ma non solo, perché come rimarca Molinari, questa “fusione” si traduce «anche in uno stimolo importante per rendere il polo un vero e proprio punto di riferimento per la formazione di tipo liceale, affinché le due realtà esistenti lavorino ancora meglio di come già fanno».

C’è un altro aspetto su cui pone l’accento la massima autorità scolastica: quello riguardante il ruolo dirigenziale. Allo stato attuale la titolarità della presidenza al Donegani è di Giovanna Bruno, da diversi anni dirigente allo scientifico. Ma è anche reggente al Plp. «La possibilità di avere un dirigente unico con una chiara visione degli obiettivi e che già conosce molto bene le due realtà - è la sottolineatura di Molinari - sicuramente rappresenta un elemento qualificante e che definisce ancor meglio l’identità del Polo. Le aspettative nei confronti di questo nuovo Polo sono molte, ma sono certo che diventerà un punto di riferimento importante».

La storia

«Come scuola abbiamo deliberato da tempo questo nome, polo liceale Città di Sondrio; anche il Comune ha approvato la nostra scelta» dice la preside Bruno ripercorrendo le origini degli istituti. In principio c’era solo il liceo classico, che è rimasto unico sul nostro territorio, «era originariamente al convitto Piazzi, mentre il liceo scientifico Donegani è stato istituito nel 1953».

Ma quando si è arrivati alla creazione del liceo Piazzi Lena Perpenti? «Il primo settembre del 2008» prosegue Bruno. Precedentemente il Lena Perpenti, allora istituto magistrale, aveva la sede in via Sauro, dove prima c’era il provveditorato e oggi una casa di riposo. Poi le magistrali, come si chiamavano in quegli anni, si sono spostate dove adesso c’è l’Ust. Prima istituto magistrale, poi liceo socio-psicopedagogico con l’arrivo al campus scolastico e, infine, riforma dopo riforma, liceo delle scienze umane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA