Domenica 22 Agosto 2010

Il "fai da te" contro il caro-libri:
ecco la ricetta per risparmiare

ROMA - Combattere il caro libri con il "Book in progress", una sorta di fai da te programmato all'interno degli istituti attraverso la realizzazione di testi autoprodotti: l'iniziativa, dell'Istituto tecnico industriale Majorana di Brindisi, è partita senza sponsor e finanziamenti ma in un solo anno ha riscosso un buon successo essendo stata già adottata da 14 scuole e 4mila studenti.
La soluzione, sostenuta dalle associazioni dei consumatori - oggi è stata citata anche dalla Federconsumatori per ridurre il "salasso" di 468 euro che le famiglie dovranno affrontare per l'acquisto del set completo di libri alle superiori - è molto semplice, ma allo stesso tempo efficace: i contenuti dei libri di testo sono scelti direttamente da un pool di 250 docenti, aderenti all'iniziativa, che provvedono anche a seguirne l'impaginazione e la stampa all`interno dell'istituto dove sono in servizio.
Per il primo anno il costo dei testi prodotti "in casa" è stato di 25 euro. Per il prossimo aumenteranno fino a 35 euro, ma secondo Salvatore Giuliano, dirigente scolastico dell'Istituto tecnico industriale Majorana, riusciranno lo stesso "a far risparmiare fino a dieci volte rispetto ai prezzi tradizionali". Della teoria del risparmio sicuro, peraltro impreziosito dalla proposizione di contenuti mirati alle esigenze degli studenti, sono convinte le associazioni dei consumatori: con la realizzazione dei testi autoprodotti "le famiglie degli studenti potranno ottenere, per la dotazione libraria, un risparmio di oltre 250 euro" rispetto ai tetti fissati dal Miur.

u.montin

© riproduzione riservata

Tags