Lunedì 14 Giugno 2010

L'Italia non gli ha ancora fatto un museo
Così Valentino se lo crea in casa

TAORMINA - Maestro di moda e maestro di stile: lo stilista Valentino non polemizza direttamente con l'amministrazione della capitale, che gli aveva promesso un museo in occasione dei festeggiamenti per i suoi 45 anni di carriera, ma annuncia dal Festival del cinema di Taormina, dove è stato proiettato il film biografico "The last emperor" (L'ultimo imperatore), di essere intenzionato a organizzare nella propria dimora francese la raccolta delle creazioni che l'hanno reso celebre in tutto il mondo.
Lo stilista glissa sulla mancata promessa capitolina, alludendo a "problemi di sede"; quindi spiega di avere raccolto a casa numeroso materiale che aveva ritirato quando lasciò il prorpio studio nella maison: "mi sono portato via molte casse, avevo bisogno di riguardare le mie cose, le mie foto". E promette: "adesso le metterò a disposizione di chi chiederà di vederle".
Ma quella che Valentino vuole organizzare in casa propria si annuncia come qualcosa di molto più complesso (e, va da sé) affascinante che non una semplice esposizione di ricordi.
E' infatti prevista non solo una mostra permanente dei suoi abiti più celebri, dei disegni e delle immagini di una carriera trascorsa sempre sulla breccia tra sfilate e laboratori di sartoria, ma anche un vero e proprio archivio informatizzato con tutti i documenti principali di una maison che è tuttora leader a livello mondiale.
Insomma, in attesa che la madrepatria si ricordi degnamente di lui, Valentino sta agendo in prima persona, in Francia. Senza clamori, senza polemiche urlate, ma con la classe e lo stile che lo hanno sempre contraddistinto.

p.batte

© riproduzione riservata

Tags