CRV - Sesta Commissione approva il Piano annuale per la cultura 2022

CRV - Sesta Commissione approva il Piano annuale per la cultura 2022
CRV - Sesta Commissione approva il Piano annuale per la cultura 2022

(Arv) Venezia 8 giu. 2022 -       La sesta commissione del Consiglio regionale del Veneto ha approvato, con l’astensione delle opposizioni, il Piano annuale degli interventi per la cultura 2022. Il piano, strumento attuativo del programma triennale per la cultura, stanzia 2.592.250 euro per l’anno in corso, di cui circa la metà dedicati alla promozione della produzione cinematografica e audiovisiva e al sostegno allo spettacolo dal vivo. Pur condividendo impostazione e contenuti del piano – hanno spiegato i rappresentanti del Veneto che Vogliamo e del Pd – l’opposizione ha scelto di astenersi per segnalare la necessità di investire maggiori risorse per la cultura, in particolare a sostegno di musei, archivi e biblioteche. Tre i macro-ambiti di intervento del piano regionale 2022: il primo è dedicato a progetti integrati tra diversi settori culturali, alla creazione e potenziamento delle residenze artistiche e teatrali, all’aggiornamento degli operatori di musei, archivi, biblioteche e istituti culturali, al sostegno del portale della cultura e dei data-base regionali, alle celebrazioni di anniversari di personaggi ed eventi significativi per il Veneto e al concorso annuale ‘Città veneta della cultura’. Il secondo ambito opera per la valorizzazione del patrimonio culturale, con attività istituzionali e interventi di conservazione, sviluppo degli ecomusei e dei siti Unesco, dei servizi culturali e del sistema veneto di musei archivi e biblioteche, sostegno all’editoria culturale. Infine, il terzo ambito di intervento è dedicato alla promozione della produzione cinematografica e audiovisiva, al sostegno dello spettacolo dal vivo e alla Veneto Film Commission e all’avvio delle attività dell’Osservatorio dello spettacolo dal vivo.

La commissione in modo bipartisan ha richiamato la centralità delle biblioteche nella programmazione e nella vita culturale del Veneto, in quanto luoghi identitari e di aggregazione sociale e culturale, sui quali investire sia in termini di risorse sia di formazione e collegamento in rete degli operatori. Su proposta delle opposizioni, la commissione ha introdotto alcune modifiche e osservazioni puntuali, accolte dall’assessore di comparto: innanzitutto la raccomandazione rivolta alla Giunta di approvare il piano annuale entro il quarto trimestre dell’anno precedente; l’impegno ad implementare anche con campagne social la promozione della lettura e delle biblioteche e il pieno concorso degli enti culturali partecipati (come ad esempio il Teatro Stabile del Veneto) alla programmazione culturale e alla collaborazione per una filiera coordinata di interventi culturali nei territori. Osservazioni che la maggioranza ha integrato con due ulteriori raccomandazioni: l’invito ad implementare le risorse per le residenze artistiche e l’invito a promuovere e sostenere le reti territoriali degli eventi culturali.

 

La commissione ha poi espresso il proprio parere di competenza sul rendiconto generale della Regione 2021 e sul rapporto sugli Affari europei, che monitora la partecipazione della Regione Veneto alle politiche della Ue nell’esercizio 2021.

La responsabilità editoriale e i contenuti di cui al presente comunicato stampa sono a cura di CONSIGLIO REGIONALE VENETO

© RIPRODUZIONE RISERVATA