CRV - Quinta commissione: misure per reclutare medici di base e sanitari nei Pronto soccorso

CRV - Quinta commissione: misure per reclutare medici di base e sanitari nei Pronto soccorso
CRV - Quinta commissione: misure per reclutare medici di base e sanitari nei Pronto soccorso

(Arv) Venezia 10 mag. 2022 –          Il reclutamento in via emergenziale di nuovi medici di medicina generale e di sanitari nei servizi di pronto soccorso facendo leva su medici in formazione e specializzandi impegna   la politica regionale, e in particolare la commissione sanità del Consiglio veneto, in vista della prossima seduta dell’aula consiliare in calendario martedì prossimo.

Al centro delle consultazioni promosse oggi dalla commissione Sanità con le associazioni professionali e sindacali dei medici gli emendamenti presentati dalla Giunta la settimana scorsa nel disegno di legge di riordino ordinamentale in materia di politiche sociali: emendamenti – illustrati dall’assessore e dai tecnici della direzione regionale Sanità - che introducono, in particolare, nuove norme per il reclutamento dei medici specialisti nei pronto soccorso ospedalieri e dei medici di medicina generale, per fronteggiare la carenza di personale sanitario nella sanità pubblica. Le modifiche di maggior impatto, al vaglio della commissione, riguardano la facoltà per i medici iscritti ai corsi di formazione in medicina generale di avere già dal primo anno sino a mille assistiti in convenzione (anziché 650 come previsto attualmente per gli incarichi temporanei), elevabili a 1200 assistiti per i medici al secondo e terzo anno del percorso di formazione. Secondo la proposta in esame le ore di incarico di cura primaria sono pagate – in aggiunta alla borsa di studio - e riconosciute come attività pratica valida ai fini del titolo formativo. Per quanto riguarda i Pronto soccorso, le modifiche in discussione prevedono che gli specializzandi possano lavorare nei servizi di urgenza ed emergenza con contratti libero professionali o di collaborazione continuata continuativa e prorogano al 31 gennaio 2024 la possibilità di stabilizzare con concorsi i professionisti abilitati e non specializzati che hanno maturato almeno 4 anni di servizio anche non continuativo nei servizi di urgenza ed emergenza. Infine, per contenere i vuoti di organico, si propone che le aziende sanitarie possano incentivare l’onorario delle prestazioni aggiuntive nei servizi di urgenza ed emergenza dei medici ospedalieri già dipendenti, pagandole sino a 100 euro lordi l’ora (al posto dei 40/60 euro attuali). Una misura, questa – ha spiegato l’assessore alla sanità - volta ad evitare il più possibile l’esternalizzazione dei servizi a cooperative e società esterne.

Nel merito dei due emendamenti più innovativi del pacchetto ‘ordinamentale’ si sono espressi il presidente della Federazione dei medici di medicina generale Maurizio Scassola, il presidente veneto di Sindacato autonomo dei medici (Snami) Salvatore Cauchi, del Sindacato Medici italiani Liliana Lora, il presidente del comitato tecnico scientifico della Fondazione scuola di sanità pubblica per il corso di formazione in medicina generale Claudio Pilerci, il segretario dei medici ospedalieri Cimo, Giovanni Leoni, il segretario Anaao Adriano Benazzato, il presidente dell’organizzazione sindacale dei medici di anestesia e rianimazione, 118 e Pronto soccorso Massimiliano Dal Sasso, i direttori del pronto soccorso dell’Ulss 3 Serenissima, dell’azienda ospedaliera universitaria di Padova e dell’area urgenza ed emergenza dell’Ulss 9 Scaligera Biagio Epifani, Vito Cianci e Andrea Tenci, a nome dei medici e degli infermieri che aderiscono alla Società italiana di medicina di emergenza urgenza (Simeu).

Sulle norme estensive per l’impiego dei medici di medicina generale i sindacati dei medici di famiglia hanno espresso un favore cauto e articolato, richiamando la necessità di porre al centro la formazione dei giovani medici e di essere parte attiva nel disegno complessivo di riorganizzazione della medicina territoriale. Più netto invece il favore con cui le società mediche e i responsabili dei pronto soccorso delle aziende sanitarie venete guardano all’impiego degli specializzandi nei pronto soccorso (con riserva di Cimo e Anaao sugli specializzandi del primo e secondo anno), alla stabilizzazione dei medici non specialisti in servizio nelle aree di urgenza ed emergenza e all’aumento stipendiale per i medici che prestano ore di servizio aggiuntivo nei pronto soccorso. Misura, questa, che, i medici di Simeu e dei sindacati dei medici ospedalieri chiedono di estendere anche ai diversi servizi e reparti che operano in urgenza ed emergenza, per valorizzare e motivare le professionalità presenti nel sistema pubblico regionale.

La responsabilità editoriale e i contenuti di cui al presente comunicato stampa sono a cura di CONSIGLIO REGIONALE VENETO

© RIPRODUZIONE RISERVATA