«Io, miracolato a piazza Fontana   Ma non ho mai dimenticato»
Hans Peter Stalder, il secondo da sinistra, con gli amici di sempre nel cinquantesimo della strage

«Io, miracolato a piazza Fontana

Ma non ho mai dimenticato»

Sala Comacina: ogni anno, nel giorno della strage,

offre un aperitivo agli amici per lo scampato pericolo

“La vita è bella, non se lo dimentichi mai”. Hans Peter Stalder , manager svizzero con casa a Sala Comacina dal ’94, quel 12 dicembre 1969 era all’interno della Banca nazionale dell’Agricoltura in piazza Fontana a Milano.

La sua storia l’abbiamo raccontata in esclusiva tre anni or sono su “La Provincia”. «Mi trovavo nel salone della banca - le sue parole al nostro giornale - Non vedendo arrivare il cliente ho pensato di raggiungerlo al bar lì vicino, dove pensavo si trovasse. Il tempo di uscire, percorrere pochi metri e poi quel terribile boato che ha fatto tremare anche i marciapiedi». Ieri sera, Hans Peter Stalder, 85 anni portati con piglio deciso, ha rinnovato una sorta di rito laico che si ripete ogni 12 dicembre: il brindisi con gli amici di sempre al bar Sport Lella-Cimino di Sala Comacina.

Un brindisi - per lo scampato pericolo - dal sapore speciale in questo cinquantesimo anniversario della strage di piazza Fontana, in cui sono risuonate forti anche qui, nel cuore del lago, le parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ieri a Milano ha affermato, in maniera perentoria, che “l’identità della Repubblica è segnata dai morti e dai feriti della Banca nazionale dell’Agricoltura”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA