Coronavirus: le terapie intensive
lombarde: «Risposte
o sarà una disastrosa
calamità sanitaria»

«L’epidemia di Covid-19 scoppiata il 20 febbraio nell’area di Codogno è ormai estesa a tutta la Regione Lombardia con possibilità di diffondersi a tutto il territorio nazionale».

Coronavirus: le terapie intensive lombarde: «Risposte o sarà una disastrosa calamità sanitaria»
Como: l’ospedale Sant'Anna
(Foto di Andrea Butti)

Drammatico allarme quello lanciato da il «Coordinamento delle terapie intensive della Lombardia» in un documento inviato al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, cui viene chiesto di portarlo all’attenzione del governo e al commissario per l’emergenza coronavirus, Angelo Borrelli. «Si tratta di un evento grave - prosegue la lettera sottoscritta dai rappresentanti delle terapie intensive lombarde - che mette in pericolo la sopravvivenza non solo dei malati di Covid, ma anche di quella parte di popolazione che in condizioni normali si rivolge al Sistema Sanitario per le cure di eventi acuti o cronici di qualsivoglia natura. Le strutture sanitarie sono sottoposte a una pressione superiore a ogni possibilità di adeguata risposta. Nonostante l’enorme impegno di tutto il personale sanitario e il dispiegamento di tutti gli strumenti disponibili una corretta gestione del fenomeno è ormai impossibile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA