«Melloblocco opportunità»  La difesa di Legambiente
Parking e camping selvaggi durante il Melloblocco hanno fatto discutere, ma Legambiente difende l’evento

«Melloblocco opportunità»

La difesa di Legambiente

Dopo le critiche l’associazione ambientalista replica al sindaco Iobizzi

«Criticità logistiche da superare, ma la bontà dell’evento non si discute»

Melloblocco, esiti numerici trionfali per l’edizione 2016, la piena soddisfazione dell’organizzazione, degli operatori ricettivi locali, che da anni tengono sulle spalle l’evento. Poi però a manifestazione che si stava chiudendo anche, inaspettate, tante critiche.

Critiche che erano mancate nelle passate edizioni, quando Melloblocco si abbinava a perturbazioni meteo insistenti, e certo richiamava anche un po’ meno gente. Si è detto che c’era “anarchia” specie sui parcheggi e con l’anarchia erano arrivati anche gli “spinelli”. Dopo le critiche e una prima presa di posizione a difesa da parte degli operatori, ieri ha fatto sentire la propria voce anche Legambiente.

La nota associazione verde, che organizza a sua volta in autunno un meeting di arrampicata sui massi in Val Masino, si schiera compatta con il raduno. Definito: «Un’opportunità per la valle, progetto bello, di aggregazione sportiva, da valorizzare e sostenere con piani organizzativi, e non da condannare».

Nella presa di posizione trova replica soprattutto il malumore espresso a fine Melloblocco dal sindaco di Valmasino Domenico Iobizzi.

«Legambiente – è stato affermato – è esterrefatta dalle critiche avanzate dal sindaco di Valmasino nei confronti della XIII edizione di Melloblocco. Le dichiarazioni del primo cittadino – si prosegue – appaiono retrograde e incapaci di cogliere le opportunità di sviluppo che un evento come questo può portare alla valle».

«Ancora una volta – si precisa – ci scontriamo con posizioni conservatrici che mettono la montagna al palo, da parte di un’amministrazione che si dimostra non in grado di valorizzare una manifestazione che apre a prospettive di promozione internazionali. Melloblocco rappresenta un’iniziativa organizzata da ragazzi che hanno fortemente voluto portare nella valle nella quale vivono, un bel progetto di accoglienza giovanile e di aggregazione legata ai valori dello sport. Una novità anche turistica che, giunta alla tredicesima edizione con numeri in crescita, ben dimostra l’entusiasmo con cui viene accolta».

«Seppur le criticità logistiche esistano – si dice poi – riteniamo sia compito dell’amministrazione locale provvedere a piani organizzativi, anche coordinati con la Provincia qualora siano troppo onerosi per il Comune, per far sì che la manifestazione possa svolgersi in maniera regolata. Prevedendo parcheggi prima dell’ingresso del paese, con un sistema di navette efficace e aree campeggio potenziate. Servizi che, a nostro avviso, aiuterebbero a rendere l’evento ordinato e sostenibile e porterebbero ulteriore indotto alla comunità. Sottolineando come aggregazione, convivialità, festa, sport a contatto con la natura, condivisione, vita all’aria aperta siano i veri valori promossi da Melloblocco».


© RIPRODUZIONE RISERVATA