Fognature e frazioni. I lavori in primavera, un progetto da 2 milioni

Assemblea Il piano presentato al Comitato di zona che ha sollevato anche il problema dei rifiuti in estate. «Passaggi in più di Secam per svuotare i cassonetti»

Fognature e frazioni. I lavori in primavera, un progetto da 2 milioni
L’assemblea del Comitato di zona che si è tenuta negli spazi del crotto di Arzo

Sarà un progetto da 2 milioni di euro a sanare i problemi di fognatura dei residenti delle frazioni orobiche di Morbegno. Il problema è stato segnalato dagli abitanti nel corso dell’assembla del Cdz (Comitato di zona) delle frazioni morbegnesi orobiche Arzo, Valle e Campoerbolo, presieduto da Matteo Del Nero, che si è tenuto lo scorso fine settimana negli spazi del crotto di Arzo.

Il progetto

Presenti, perché invitati dal Comitato, anche il sindaco Alberto Gavazzi e l’assessore ai Lavori Pubblici Franco Marchini. Ed è stato proprio l’assessore Marchini a illustrare i passaggi sul progetto di Secam (la società che si occupa anche del sistema di depurazione) del nuovo collettamento fognario, i cui lavori sono previsti per la primavera dell’anno prossimo, che interesserà anche le frazioni Orobiche e che risolverebbe i disagi lamentati dal Cdz che appartengono a diversi abitanti della zona visto che la rete fognaria è ancora da completare e molte abitazioni ne sono ancora sprovviste. Secondo le intenzioni di Secam il collettamento consentirà gli allacciamenti delle frazioni di Morbegno scendendo lungo la via Priula che si trova a valle rispetto alla quasi totalità delle abitazioni.

«Secam ha spiegato a noi e al Comune di Albaredo il progetto definitivo del collettore fognario che da Albaredo porta a Morbegno - ha precisato Marchini - si tratta di quasi quattro chilometri di rete fognaria che passa sul tracciato di via Priula che rimane più bassa rispetto alla maggior parte delle abitazioni. A settembre si presenterà il progetto definitivo dal quale partirà l’iter che porterà poi alla partenza dei lavori».

Con questo intervento ha precisato l’amministratore comunale «si dovrebbero risolvere le problematiche di circa l’80% delle abitazioni. L’operazione di Secam prevede il collegamento della rete fognaria interna con il collettore».

Sopralluogo con Secam

Il Cdz ha messo in evidenza la necessità di un incontro con Secam per poter capire l’entità dell’intervento e per «fare in modo che i proprietari di abitazioni ancora sprovvisti di fognatura possano eventualmente valutare e usufruire di questa opportunità. Chiediamo quindi un sopralluogo e un censimento delle abitazioni mancanti del servizio al fine di informare quanti più proprietari prima che inizino i lavori previsti per la primavera 2023».

Richieste che il Comune farà proprie rivolgendole a Secam. Fra gli altri problemi sottoposti dagli abitanti c’è anche quello dell’abbandono selvaggio dei rifiuti sul quale l’amministrazione ha garantito un giro di vite. I residenti poi «vista la presenza di molti turisti in estate» chiedono «per le future stagioni estive dal primo luglio al 30 agosto, un passaggio in più da parte di Secam per svuotare i cassonetti lasciando nel periodo invernale un solo passaggio invece di due».

© RIPRODUZIONE RISERVATA