Un “Concerto grosso” lungo mezzo secolo
Nico Di Palo, la storica voce dei New Trolls

Un “Concerto grosso” lungo mezzo secolo

Grande musica italiana con i New Trolls che il 28 saranno sul palco del Teatro Sociale di Sondrio. Oltre al celebre punto di incontro tra sinfonica e pop, super carrellata dei brani più noti della loro lunga carriera.

La leggenda continua: i New Trolls che hanno cavalcato l’onda rock degli anni d’oro della musica italiana ritornano richiamati a gran voce dai loro aficionados senza tempo. E sabato 28 aprile alle 21 saranno al Teatro Sociale, grazie al gruppo sondriese “Gsmile” che intende col sorriso e l’entusiasmo portare tra la comunità locale personaggi straordinari che hanno caratterizzato un’epoca.

Sarà meraviglioso rivivere le emozioni palpitanti della parabola infinita dei New Trolls dalla sterminata discografia, soprattutto per chi in questi anni ha cantato o magari anche suonato canzoni che non moriranno mai, ancorandosi però sul “Concerto grosso” che negli anni della beat generation richiedeva comunque un apparato orchestrale oggi facilmente ricostruibile in studio.

Ma l’emozione della musica dal vivo è imperdibile. Cinquant’anni di storia e troppo da raccontare: emozioni incommensurabili che emergono dalle nebbie dei ricordi. Come quello di Nico Di Palo, mitica, inimitabile, inconfondibile voce dei New Trolls. «Nel ‘71 aprimmo il concerto dei Led Zeppelin (circa 80 mila persone) e vedere Robert Plant, John Bonham, Jimmy Page, John Paul Jones impazzire per noi dietro le quinte del palco, oltre al pubblico…. beh pensiamo abbia segnato il nostro percorso artistico. La forza e l’adrenalina di quella sera ancora ci accompagnano. Proprio quella sera suonammo “Improvvisazioni nella sala vuota”, il retro del Concerto grosso n.1», confida il grande Nico Di Palo.

«Se siamo ancora insieme è per l’amicizia che ci ha sempre legato in questi anni in cui siamo sempre stati sempre innamorati della musica. Sono tante le emozioni di 50 anni insieme in cui, strada facendo, abbiamo raccolto grandi soddisfazioni. E ritrovarci insieme è sempre come la prima volta, quando si entrava, chitarra alla schiena, capelli al vento, osannati dal pubblico, anche se nella mente e nel cuore rimarrà sempre quella magica esperienza delle “Improvvisazioni nella sala vuota”, in registrazione diretta, per noi abituati al clamore delle platee», aggiunge il vulcanico batterista dei New Trolls Gianni Belleno che entra poi nel dettaglio della serata al Teatro Sociale: «Non proporremo naturalmente solo il nostro “Concerto grosso” ma proporremo brani della nostra antologia musicale come “Visioni”,” Una miniera”, “Quella carezza della sera”, “Vorrei comprare una strada”, accanto a nuovi successi che portiamo in tour insieme a giovani musicisti di grandissimo talento».

Ad accompagnare gli “storici” Nico Di Palo e Gianni Belleno, infatti, ci sarà una band ultracompatta di musicisti di alto spessore: Claudio Cinquegrana, Stefano Genti, Umberto Dadà, Claudio Tarantola e Nando Corradini. E se ne vedranno delle belle che faranno sussultare il pubblico sulle poltrone del Teatro Sociale.

Di certo la leggendaria epopea newtrolliana non è mai tramontata e “Il Concerto grosso per i New Trolls” ancora una volta porterà una ventata di sferzante energia riaprendo pagine e pagine di una musica travolgente e affascinante che saprà accomunare più generazioni con un sound inconfondibile in un dialogo mai interrotto nel corso di questi lunghi anni.

Immortale quel “Concerto grosso” inchiodato nell’immaginario collettivo, mirabile punto d’incontro e fusione perfetta, irraggiungibile, sublime, tra musica sinfonica e quella ritenuta a torto “leggera, consacrata nell’indimenticabile duello tra violino e chitarra elettrica “concreti” nella stessa anima di fuoco e passione, o in quel “To die... to sleep... maybe dreaming” shakespeariano subissato dall’oceano tumultuoso dell’orchestra e la furia incontenibile dei New Trolls.


© RIPRODUZIONE RISERVATA