Spazio Centrale, pronta la stagione

Arquino Cinque produzioni: “La patente”, “Radius”, “Portami a vedere il mare”, “Strie” e “Hydroelettric energy “

Spazio Centrale, pronta la stagione
Foto di gruppo di alcuni attori della prossima stagione teatrale del Teatro Spazio Centrale

«Il mio desiderio è quello di far diventare Spazio Centrale costruttore e produttore di spettacoli e non semplicemente il distributore». È l’ambizione del direttore del teatro Spazio Centrale, Maurizio Natali, e conoscendo il personaggio – nel passato tante le sfide vinte dallo stesso in diversi ambiti – non si dubita che anche questo traguardo possa essere raggiunto nel teatro realizzato da Enel Green Power nella centrale idroelettrica Mallero ad Arquino, a nord di Sondrio.

Interpreti locali e non

Intanto il calendario che Spazio Centrale ha confezionato per la stagione teatrale 2022-2023 parla da solo e – va detto – è il primo pianificato e diramato in provincia di Sondrio per i prossimi mesi. Ovviamente con la cauta speranza che il Covid non ci metta, ancora una volta, lo zampino.

Sono cinque le nuove produzioni targate Spazio Centrale: “La patente”, “Radius”, “Portami a vedere il mare”, “Strie” ed, infine, lo spettacolo musicale “Hydroelettric energy”. A questi si aggiungono gli spettacoli che concluderanno le residenze d’artista.

«Ho fortemente voluto le residenze d’artista, perché porteranno giovani registi e attori, cui verranno concessi gli spazi con la formula della restituzione dello spettacolo al pubblico – prosegue Natali -. Gli interpreti sono locali e di fuori provincia; ci sono attori provenienti da Liguria, Veneto e Puglia. Mi piace pensare che ciò possa essere visto come uno sprone per i giovani valtellinesi a scrivere drammaturgie teatrali o cimentarsi nella fase attoriale. La programmazione ’22-’23 non ha un filone preciso, è variegata. Usciti – si spera – dalla pandemia, la voglia infatti è quella di riaprire con un calendario già definito, dare la possibilità ad attori e registi di esibirsi e al pubblico di vedere qualcosa di nuovo».

La stagione si aprirà, dunque, l’11 settembre con uno spettacolo-studio che avrà titolo “Paesaggi stranieri” con testo e regia di Virginia Cimmino produzione Matrice Teatro, quindi dal 16 settembre al 18 laboratorio artistico “Pasoliniana” con docente Elisabetta di Terlizzi. Il 17 e 19 novembre arriva “La patente” dalla celebre novella di Luigi Pirandello con regia di Maurizio Natali, interpreti Davide Ruttico, Elena Caccamo, Fabio Panighetti, Giuseppe Giudice, Matteo Grosini, Silvio Rodari, Stefania Gulluà. Il 18 dicembre la giovane drammaturga sondriese, Benedetta Carrara, porta “Rosmunda” che la vede per la prima volta alla regia.

Coro di Berbenno

Il 19 e 21 gennaio 2023 sarà in scena lo spettacolo “Radius” con testo di Erasmo Stasolla e regia di Maurizio Natali, interpreti Erasmo Stasolla e Giovanni Pavese. Il 18 febbraio è in programma uno spettacolo di Ermanno Pingitore (produzione Usine Baug) che terrà un laboratorio teatrale dal 24 al 26 febbraio; il 16 e 18 marzo “Portami a vedere il mare” testo e regia di Maurizio Natali con Viviana Sancassani; il 1° aprile “Kobarid” di e con Gioele Rossi; il 20 e 22 aprile “Strie” testo di Stasolla e Laura Montagna con la regia di Stasolla; il 6 maggio “Hydroelectric energy” spettacolo musicale di Andrea Murada. Date da definire, invece, quelle delle commedie dialettali delle compagnie “Fil de fer” di Dubino e “L’Instabile” di Stazzona e del nuovo spettacolo su Dante di Fabrizio Passerotti. Ci sarà anche un’incursione musicale il 3 dicembre con il concerto del coro di Berbenno “Di nota in nota”.

E, visto che i successi vengono dal lavoro in rete, Natali ringrazia l’assessore alla Cultura del Comune di Sondrio, Marcella Fratta, e lo staff dell’ufficio eventi teatrali per la collaborazione, oltre che ovviamente la squadra di Spazio Centrale e il pubblico che, sempre e calorosamente, accoglie le proposte del teatro di Arquino. Info sulla stagione: [email protected]

© RIPRODUZIONE RISERVATA