Venerdì 29 Agosto 2014

Ambriajazz concede il bis
Ecco “Confluenze sonore”

Consuelo Orsingher con Corrado Stuffo sono due dei protagonisti dei concerti nel parco

La rassegna Ambriajazz, che ha animato la media e Alta valle in queste ultime settimane, riserva una sorpresa con una “coda” musicale inaspettata, quanto gradita. Due appuntamenti nei prossimi giorni dal titolo “Confluenze sonore” si terranno al parco Adda Mallero: il primo sabato 30 agosto e il secondo il 6 settembre con un orario insolito dalle 18,30 alle 21. Un aperitivo musicale all’insegna del jazz nel verde.

Sabato prossimo, al bar del parco, Consuelo Orsingher Quartet propone “Coast to Coast”. Nella musica che c’è in questo progetto, la parola chiave è “Contaminazione”. In mezzo, l’oceano Atlantico, ai lati, Nord America, Sud America ed Europa. Un triangolo che incontra culture diverse e le fonde in una sola anima fra standard americani, le song più famose, aggiunte alla musica brasiliana, con le canzoni italiane d’autore fra le più significative, creano un’atmosfera, dove viaggiare stando comodamente seduti risulterà facile. Il quartetto è composto da Consuelo Orsingher voce e diamonica, Corrado Stuffo chitarra, Luca Zugnoni basso e Alessandro Conforto batteria.

Sabato 6 settembre 2014 sarà proposto invece il lavoro di “Mipasao” con Cristian Sgarella a piano, percussioni e Nico Shreklinger clarinetto e sax. Il nome è l’acrostico di Milano-Parigi-Sao Paulo, più che un nome è un suono, una sensazione legata a sonorità altre, lontane da noi ma affini nella sensibilità: le sonorità dei choro e delle bossanove, ritmi tondi, caldi, melodie che invitano a muoversi, non solo ad ascoltare. “Mipasao” sono un milanese ed un francese che si incontrano a Milano e suonano choro.

«È già il terzo anno che proponiamo questa conclusione estiva di Ambriajazz con esibizioni più “piccole” ma molto apprezzate in collaborazione con la cooperativa Intrecci che gestisce il bar – spiega il direttore artistico di Ambriajazz, Giovanni Busetto -. Sono due momenti per un pubblico locale e per i fruitori del parco. Mettiamo il palco di fuori e aspettiamo il tramonto al suon di musica». Busetto traccia anche un bilancio del laboratorio jazz estivo che quest’anno ha visto un ulteriore ampliamento verso l’Alta Valle in modo che i concerti sono partiti da Castione per arrivare fino a Bormio e Valdidentro. «La collaborazione con i Bagni di Bormio è stata una bella esperienza che ci ha permesso di fruire di un pubblico diverso, quello del turista che accede ai Bagni per rilassarsi e ha goduto anche della nostra musica – prosegue Busetto -. Questa è la dimostrazione che anche i luoghi più strani e particolari possono proporre musica». Busetto è un vulcano di idee per l’edizione del 2015. «Ci saranno Xavier Girotto che ha già suonato a Morbegno per il Quadrato Magico, Paolo Angeli, proseguirà la collaborazione con il Nord Europa e le ambasciate di Norvegia, Svezia e Finlandia. Non mancheranno anche le novità che sveleremo il prossimo anno».

© riproduzione riservata