Giovedì 16 Maggio 2013

La nave di Letta naviga a vista

Letta ha vietato ai ministri di partecipare a convegni e comizi elettorali. La ragione è evidente: a Palazzo Chigi devono andare d'accordo, in piazza potrebbero scontrarsi. A Palazzo Chigi devono essere come Mr Hyde e tali devono rimanere, non devono trasformarsi in dottor Jekyll nelle piazze. Ma è una situazione insostenibile. Abbiamo quindi un governo "contro natura" ed è facile prevedere che durerà poco. Sarebbe opportuno che dopo i primi urgenti decreti sull'economia il presidente del consiglio facesse di tutto almeno per abolire il "porcellum". Altrimenti torneremo a votare con una legge elettorale "incostituzionale" che tanti guai ha già provocato.

Francesco Degni
Il porcellum potrebbe essere abrogato con un decreto di due righe, rimettendo in vigore la legge elettorale precedente. Ma il Pdl non vuole riformare il porcellum, e il Pd è troppo preoccupato a riformare se stesso per pensare a riformare altro. Sicché ci s'inventa (se lo inventano Letta e Quagliariello) un percorso ministeriale tortuoso per trovare (non trovare) una soluzione semplice. Il mattarellum, che fu sostituito dal porcellum, non era la migliori delle leggi elettorali. Però non era la peggiore. Ed era comunque migliore del porcellum. Bisognerebbe essere realisti, prenderne atto e fare di conseguenza. 
Ma l'impressione è che questo governo dica di agire e non abbia i mezzi (la copertura politica) per agire come dice. Naviga a vista, non avendo a bordo le mappe per rotte di lunga distanza. Perché si è scelta una barca così poco affidabile? Perché non ce n'erano altre in porto disponibili a prendere il largo. Non bisognerebbe mai scordarlo, nelle strette di polemiche scritte (appunto) sull'acqua.

Max Lodi

© riproduzione riservata

Tags