Lunedì 30 Giugno 2014

Nuova Citroen C1

Un cielo di stelle

La nuova Citroen C1

Una vetturetta economica? Decisamente molto di più, a guardare la nuova Citroen C1, soprattutto se si sceglie il tetto in tela apribile, che alla casa francese hanno battezzato Airscape. Insomma, anche una piccola vettura da città può diventare trendy e competere con concorrenti più blasonate – e costose – pur senza tradire la propria missione.

Glamour francese

Interni colorati, versioni bicolori. C1 strizza l’occhio ai giovani e alle signore, offrendo tanto spazio in tre metri e 46 centimetri ben sfruttati. Otto colori, tre varianti di tetto apribile elettricamente fino a ben 120 km/h, una dotazione di serie di tutto rispetto e tanta tecnologia a disposizione.

Il 1.2 spinge

Tre o cinque porte, due motori a tre cilindri – 1.0 da 68 CV o 1.2 da 82 CV – decisamente votati al risparmio: la Casa francese dichiara rispettivamente 3,8 e 4,3 litri per cento chilometri. Chiaro che il 1.2 ha più grinta, e complice la leggerezza della C1, offre qualche soddisfazione. Ma la piccola Citroen non è certo dedicata ai patiti delle corse, deve essenzialmente puntare sulla città e sui percorsi fuori porta. E in questo, come abbiano avuto modo di provare nelle campagne fuori Roma, è decisamente a proprio agio: assetto morbido ma ottima tenuta di strada, impostazione di guida turistica, grande maneggevolezza.

Grande schermo

Può essere equipaggiata di Touch Pad 7’’ per gestire tutte le funzioni multimediali: radio, telefono, lettore video. La tecnologia “Mirror Screen” permette di duplicare e comandare dal Touch Pad 7” il contenuto dello smartphone. È sufficiente verificare la compatibilità del proprio smartphone, installare l’applicazione che permette lo scambio di dati, e collegarlo alla porta USB del veicolo.

A questo punto è possibile usare facilmente le funzioni del proprio smartphone direttamente dal Touch Pad 7”: navigazione, telefonia, rubrica degli indirizzi, musica, Web Radio...e tutte le altre applicazioni utili e compatibili con la guida.

Per facilitare le manovre, ad esempio il parcheggio in spazi ristretti, dispone di una telecamera di retromarcia, le cui immagini vengono visualizzate sul Touch Pad 7’’. La C1 dispone inoltre della funzione Keyless Access&Start. La funzione permette

l’accesso e l’avviamento del motore continuando a tenere la chiave elettronica in tasca. Un’altra tecnologia utile: la partenza assistita su pendenza Hill Assist, proposta di serie, diventa indispensabile in città, ad esempio quando si esce da un parcheggio sotterraneo. Su pendenze superiori al 3% questa funzione blocca automaticamente il veicolo per 2 secondi, permettendo quindi di ripartire in tranquillità.

Numeri e prezzi

Dal lancio della versione precedente, in Italia Citroen ne ha vendute ben 140 mila, e questa seconda generazione – peraltro anche molto più silenziosa della precedente - ha i numeri per fare il bis.

Chiudiamo con i prezzi: per la versione a tre porte sono compresi fra 9.950 e 13.450 euro (da 12.500 a 13.850 euro col tetto apribile), mentre per le cinque porte si da un minimo di 10.450 fino a 13.350 euro (da 13.000 a 14.350 euro con tetto apribile), compreso un anno di assicurazione furto incendio e un sistema di identificazione elettronica a radiofrequenza denominato Cardeluxe, una sorta di marchiatura elettronica della vettura per scoraggiare i ladri e rendere più difficile la contraffazione dei documenti di circolazione. Prevista anche una versione base a un prezzo di lancio di 8.900 euro.

Vittorio Colombo

© riproduzione riservata