Domenica 25 Gennaio 2009

Stupri; Capodanno, ragazza violentata: Mi farò giustizia da sola

Roma, 25 gen. (Apcom) - "Se non si sbrigano a fare quello che devono fare, io giustizia me la faccio da sola". Dopo la decisione di concedere al suo violentatore gli arresti domiciliari, la ragazza che la notte di capodanno ha subito una violenza a Roma, nei pressi della Fiera, commenta la vicenda in esclusiva ai microfoni di Studio Aperto. "Tu ci devi scrivere sul giornale che se non fanno giustizia come si deve, io giustizia me la faccio da sola. Cosa direi al giudice? Gli direi - prosegue - che se l'avessero fatto a sua figlia vorrei vedere cosa faceva". A Studio Aperto interviene anche la mamma: "E' una vergogna, tutti sono sconcertati di questo fatto perché non è possibile, dicono che c'è giustizia ma dov'è la giustizia? Mia figlia è distruttissima dopo tutto quello che ha subito anche questa umiliazione, non è possibile un fatto del genere". Il padre, infine, parla anche di una giustizia personale: "E' uno schifo, ma vedi cosa sta succedendo in questi giorni a Roma e tu lo cacci subito fuori? Io ho detto che lui tutte le sere quando va a dormire deve pensare 'domani che cosa mi può succedere?', tutte le sere per tutta la vita. Si può sposare, avere dei figli: tanto io lo aspetto, non c'è problema". Red/Sav

MAZ

© riproduzione riservata