Domenica 25 Gennaio 2009

M.O.; Frattini: Piano in tre punti per la Palestina

Bruxelles, 25 gen. (Apcom) - Un piano in tre punti per far uscire la Palestina dalla crisi dopo l'invasione israeliana di Gaza. Lo presenta il ministro degli Esteri Franco Frattini questa sera alla cena a Bruxelles con i suoi collegi della Ue e gli omologhi di Egitto, Giordania, Anp e Turchia. Il piano in sostanza "mette in ordine" le proposte nate in questa ultima settimana a livello comunitario, e vede al primo punto, ha detto il ministro entrando alla cena, la riattivazione della missione Ue Eubam, sostanzialmente mai partita sin dal suo lancio. "Dobbiamo attivare la missione - ha detto Frattini - allargando la partecipazione a tutti coloro che vorranno, e che comprenda anche attività in mare. Per questo - ha ammonito Frattini - è necessario che tutti i valichi siano riaperti e che sia ricostituita l'autorità dell'Anp a Gaza". Il secondo punto indicato da Frattini "è il lavoro per la riconciliazione palestinese, sostenendo lo sforzo che conduce l'Egitto, nel quadro della rilegittimazione dell'Anp e del presidente Abu Mazen". Con il segretario di Stato Usa Hillary Clinton Frattini ha oggi parlato in particolare del terzo punto dell'azione europea in Palestina, la ricostruzione. "Mentre si continua ad intervenire per l'emergenza umanitaria, che non può essere sospesa", ha detto il ministro ricordando che "l'Italia è l'unico paese della ue che sta intervenendo con un suo piano. Anche altri paesi dovrebbero farlo - ha ammonito Frattini - coordinandosi fra di loro. Anche questo lavoro va svolto sotto l'ombrello dell'Onu e dell'Anp". Per Frattini questi tre "sono i punti minimi dell'intesa europea, alla quale lavoreremo in particolare nel Consiglio Esteri di domani". Il ministro ha insistito più volte, parlando con i giornalisti prima della cena, sulla necessita "di aiutare l'Egitto nel suo lavoro di riconciliazione tra i palestinesi. In questo quadro Hamas deve accettare il diritto all'esistenza e alla sicurezza di Israele". "La riconciliazione - ha insistito Frattini - può avvenire solo sotto l'Anp e il presidente Abu Mazen. Non è pensabile che esitano due stati in Palestina, con un governo autonomo di Gaza". Lor

MAZ

© riproduzione riservata