Venerdì 04 Settembre 2009

Scuola, Gelmini presenta piano-precari,ma protesta non si ferma

Milano, 4 set. (Apcom) - Indennità di disoccupazione e "accesso preferenziale" a supplenze brevi e progetti scolastici speciali per i docenti precari della scuola che quest'anno non hanno trovato una cattedra. Sono questi due dei punti salienti del piano presentato ieri dal ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini, che però non soddisfa i precari, che parlano di un progetto insufficiente, e annunciano che le proteste andranno avanti. Le misure di sostegno sono state messe a punto da Miur, Ministero del Welfare e Inps e sono state annunciate oggi dalla Gelmini al termine del Consiglio dei ministri: la proposta sarà portata già nel prossimo Cdm, probabilmente mercoledì, inserita in un decreto legge ad hoc. "Il precariato - ha detto il ministro - è molto delicato e importante: non serve andare sui tetti per dimostrare attenzione al tema, ma rimboccarsi le maniche e lavorare per risolverlo". Secondo il ministro questa situazione deriva dal fatto che soprattutto negli anni '80 e '90 il sistema "è stato trattato come un 'ammortizzatore sociale'". "Sui circa 10mila esuberi previsti - ha continuato Gelmini - stiamo individuando delle soluzioni da affrontare in maniera bipartisan. L'enorme precariato è frutto delle 'non scelte' degli ultimi anni e oggi siamo di fronte a un corto circuito davanti al quale occorre assunzione di responsabilità e buon senso". I contratti di 'disponibilità' - ha replicato Maristella Curreli, presidente dei Comitati italiani precari - sono un palliativo per salvare dalla disoccupazione solo una piccola parte dei precari della scuola: a noi non serve un 'contentino', ma il blocco dei tagli in corso". "E tutti gli altri? Che fine faranno - si chiede Curreli - quelli che lavorano stabilmente anche da 25 anni ma su cattedre particolari, come educazione fisica o diritto ed economia, che garantiscono solo supplenze attraverso i presidi o spezzoni inferiori alle 18 ore? Sarebbe logico estendere il provvedimento a tutti i candidati primi nelle graduatorie senza vincoli". Le proteste in atto ormai da una settimana quindi non si fermeranno: "E' pericoloso pensare - sottolinea il leader dei Cip - di accontentarsi di questa soluzione proposta dal Governo, lo ripeto: soddisferebbe non tutti ma solo una piccola parte dei precari senza rappresentare la soluzione del problema. Quello che servirebbe è invece fermare i tagli e contemporaneamente assumere su tutti i posti vacanti".

Lme

© riproduzione riservata