Lunedì 12 Dicembre 2011

Siria/ In milioni alle urne ma prosegue protesta anti-Assad

Damasco, 12 dic. (TMNews) - Oltre 14 milioni di elettori siriani sono chiamati oggi alle urne per le prime elezioni amministrative organizzate in Siria dall'inizio della rivolta popolare contro il regime di Bashar al Assad, il 15 marzo scorso. Da parte loro gli attivisti pro-democrazia hanno lanciato ieri una campagna di disobbedienza civile, convocando uno sciopero generale nella regione meridionale di Deraa, in corso di svolgimento. I seggi sono aperti da stamattina alle 8 (ora locale, le 7 in Italia), e chiuderanno alle 20. Oltre 42.000 candidati si contendono 17.000 seggi a livello comunale. In alcuni quartieri di Damasco gli elettori si sono recati in massa a votare. "Ho votato perché vogliamo contribuire alle riforme eleggendo i migliori", ha detto un'elettrice 35enne parlando in condizione di anonimato all'uscita di un seggio elettorale in piazza degli Omayyadi. Anche Ahmad, un tassista che non ha rivelato il suo nome completo, ha detto che "tutti devono votare per rispondere a quelli che invocano lo sciopero". Lo sciopero generale, indetto ieri dagli oppositori di Assad, prosegue oggi nella regione di Deraa, bastione della rivolta anti-regime, ed è stato anche largamente osservato nella città di Duma, nei pressi di Damasco. "Ieri abbiamo cominciato lo sciopero generale che proseguirà fino alla caduta del tiranno. Oggi non manderemo i nostri figli a scuola", hanno scritto i militanti pro-democrazia sulla loro pagina Facebook "Syrian Revolution 2011". Intanto nel paese si registrano anche oggi nuove violenze e nuovi morti. Scontri ci sono stati a nelle regioni di Idleb e Deraa tra disertori e forze della sicurezza. Lo ha riportato l'Osservatorio siriano dei diritti dell'uomo (Osdh). Quattro civili sono stati poi uccisi dalle forze di sicurezza nella provincia di Homs, altri tre sono stati uccisi a Idleb, sempre secondo l'Osdh. (fonte Afp)

Plg

© riproduzione riservata