Mercoledì 30 Marzo 2011

Immigrati/ Min. Salute-Oms: a Lampedusa seri rischi sanitari

Roma, 30 mar. (TMNews) - Il sovraffollamento di Lampedusa, dove ormai vige una difficilissima coesistenza tra gli oltre 6.500 immigrati giunti in ripetuti sbarchi soprattutto dalla Tunisia, e i 5mila cittadini del luogo, "desta forti preoccupazioni dal punto di vista igienico", e lo stesso sovraffollamento rende "alto il rischio di diffusione, anche epidemica, di malattie infettive trasmissibili per via orofecale o respiratoria". E' quanto emerso ad oggi dalla missione congiunta di due giorni del ministero della Salute e dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ufficio regionale per l'Europa, che si è conclusa ieri sull'isola siciliana. Anche se finora non sono emersi "quadri clinici legati a malattie infettive tra le popolazioni giunte sull'isola dal Nord Africa", gli esperti dell'Oms e del ministero della Salute sottolineando l'importanza di "mantenere alta la sorveglianza e la prevenzione delle malattie e di una continua attenzione alle misure di controllo ambientale". Le conclusioni tecniche della missione andranno a supporto della conferenza internazionale prevista a Roma il prossimo 13 aprile in collaborazione tra Italia, Commissione Europea, Oms/ Europa e Paesi europei coinvolti nel fenomeno migratorio, per coordinare congiuntamente gli aspetti sanitari della crisi e per discutere piani di emergenza in vista di un potenziale numero ampio di migranti che può raggiungere l'Europa.

Apa

© riproduzione riservata