Maltempo/ Protezione civile Veneto: livello fiumi sta scendendo

Maltempo/ Protezione civile Veneto: livello fiumi sta scendendo Dalle 21 perturbazione si dovrebbe spostare verso il Friuli

Maltempo/ Protezione civile Veneto: livello fiumi sta scendendo
Vicenza, 16 mar. (TMNews) - Malgrado siano caduti 'solo' circa 120 millimetri d'acqua il Veneto si è trovato nuovamente in allerta inondazione. E' stato soprattutto il veronese, tra Soave, San Bonifacio e Monteforte, a subire le esondazioni più importanti, a causa della particolare condizione di debolezza idraulica e idrogeologica del territorio.Tuttavia, fanno sapere dalla protezione civile del Veneto, i livelli dei fiumi stanno scendendo e la perturbazione proprio in queste ore si sta spostando ad Est verso il Friuli Venezia Giulia. "Fino a stasera verso le 21 - ha spiegato Roberto Tonellato, dirigente della protezione civile regionale - ci saranno ancora precipitazioni diffuse nella fascia Prealpina e in pianura destinate a transitare verso Est. Il problema è che è bastata poca pioggia, 120 mm caduti in queste ultime ore per mettere in crisi la zona del Veronese".Secondo Tonellato le tracimazioni avvenute nelle zone di Soave, Monteforte e San Bonifacio sono dipese anche dal carattere "torrentizio dei corsi d'acqua". Al momento la situazione nel vicentino e nel veronese sembra essere tornata sotto controllo, anche se gli allagamenti nel veronese hanno spinto all'evacuazione di alcune aree circoscritte. Molte campagne sono allagate con danni all'agricoltura e alle aziende. Ma per quantificare i danni ci vorrà qualche giorno.Sul territorio sono al lavoro vigili del fuoco, carabinieri e volontari della protezione civile che, insieme ai sindaci, stanno presidiando le aree più a rischio.Anche nel padovano, nella zona dei Colli Euganei si sono registrate frane e smottamenti. Tra i comuni di Galzignano e Torreglia lo smottamento del fronte di oltre dieci metri ha parzialmente invaso la strada provinciale 25 che attraversa il territorio del parco dei Colli Euganei, nell'area del passo della Siesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA