Venerdì 04 Febbraio 2011

Vertice Ue/ Energia, mercato interno sarà completato entro 2014

Bruxelles, 4 feb. (TMNews) - Il Consiglio europeo dei capi di Stato e di governo ha approvato, oggi a Bruxelles, un testo di conclusioni sulla politica energetica dell'Ue che stabilisce l'obiettivo di completare il mercato interno del gas e dell'elettricità "entro il 2014". Il completamento del mercato interno è stato avviato, a livello normativo, con l'ultimo pacchetto di liberalizzazione che è già in vigore, ma mancano ancora diverse interconnessioni fisiche nelle reti per la trasmissione dell'energia e il trasporto del gas. Il testo delle conclusioni, tra l'altro fissa al 2015 il termine per la costruzione di nuove interconnesssioni che consentano la fine delle cosiddette "isole energetiche", gli Stati membri non ancora collegati alle reti europee. I leader dei Ventisette affermano che gli investimenti per le nuove infrastrutture energetiche, necessarie per l'integrazione del mercato, per il pieno utilizzo delle fonti rinnovabili e per l'obiettivo, su cui insiste il Consiglio europeo, di differenziare "le fonti e le rotte d'approvvigionamento e di transito" dovranno venire da finanziamenti privati, e che "solo per alcuni progetti, giustificati per ragioni di sicurezza degli approvvigiamenti o di solidarietà fra gi Stati membri, ma non abbastanza attraenti per il mercato, potrebbe essere necessario un limitato intervento di fondi pubblici, in funzione di effetto leva per gli investimenti privati". Questi progetti dovranno essere selezionati in base a "criteri chiari e trasparenti". I Ventisette invitano la Commissione europea a presentare, entro il prossimo mese di giugno, una proposta sugli investimenti necessari per queste infrastrutture e sui possibili meccanismi per raccoglierli, in modo che se ne possa discutere nell'ambito delle prossime 'prospettive finanziarie', il bilancio pluriennale dell'Ue per il periodo successivo al 2013. Fonti comunitarie rifericono che il commissario all'Energia, Guenther Oettinger, intenderebbe proporre un programma di finanziamenti comunitari da 800 milioni di euro all'anno.

Loc

© riproduzione riservata