Venerdì 04 Febbraio 2011

Calcio/ Juve, Del Neri: Non è vero che non vogliamo più Morganti

Roma, 4 feb. (TMNews) - La Juventus non intende ricusare l'arbitro Emidio Morganti per la direzione del match perso mercoledì a Palermo. E' quanto ha chiarito il tecnico bianconero Luigi Del Neri alla vigilia del match in casa del Cagliari. "Nessuno ha mai detto che non lo vogliamo più ad arbitrarci. Il fatto che abbia commesso degli errori mercoledì non significa che li dovrà ripetere la prossima volta che ci dirigerà", ha detto Del Neri, "ha sbagliato e abbiamo protestato, questo è quanto. Non cambio idea rispetto a quanto ho detto mercoledì, ma adesso non vorrei più parlare di arbitri". La partita di domani impone ai bianconeri di fare risultato per migliorare una classifica disastrosa. "Il Cagliari è un avversario rognoso, dinamico, che ha fatto bene nelle ultime gare. Non vedo differenze tra la gestione di Bisoli e quella di Donadoni", ha spiegato il tecnico, "perché i giocatori sono sempre gli stessi. Ora ha perso Matri, che ha saputo fare la differenza, ma rimane una squadra temibile". L'atmosfera nello spogliatoio? "Lo stato d'animo della squadra è ottimo - ha sottolineato Del Neri - perché si è accorta di aver giocato bene a Palermo, pagando dazio nei primi venti minuti, ma riuscendo a reagire in maniera ben diversa rispetto alla gara contro l'Udinese. Ho visto una squadra reattiva e combattiva e credo che la nostra prestazione sia anche dovuta all'arrivo di Matri. Su di lui ho letto giudizi imbarazzanti, mentre invece ha fatto un'ottima gara ed è stato un punto di riferimento importante". Il traguardo rimane la qualificazione alla Champions League, ma al momento è troppo presto per fissare una quota punti che consenta di raggiungere l'obiettivo: "La classifica è corta e molto dipenderà dagli scontri diretti", ha concluso Del Neri nella conferenza stampa riportata dal sito della Juventu, "inoltre arriveranno partite impegnative anche per gli altri. L'importante è rimanere agganciati alle prime posizioni e avere poi la forza per lo sprint finale che ci consenta di dare tutto nel momento cruciale".

Caw

© riproduzione riservata