Venerdì 04 Febbraio 2011

Ruby/ Pm valutano ancora se dividere in due inchiesta su premier

Milano, 4 feb. (TMNews) - I pm milanesi stanno ancora valutando se dividere in due l'inchiesta del cosiddetto 'caso Ruby' che vede coinvolto Silvio Berlusconi, indagato per concussione e prostituzione minorile, e con quali modalità chiedere il processo. Il nodo dovrebbe essere sciolto all'inizio della settimana prossima. La decisione più delicata riguarda il reato di prostituzione minorile, per il quale il codice prevede la citazione diretta a giudizio e non la richiesta di rito immediato come invece accade per la concussione. Sul rebus giuridico i pm discutono da giorni, e sono anche divisi sulle scelte da compiere. Evidentemente la questione non era stata approfondita al momento di scrivere il testo dell'invito a comparire, recapitato il 14 gennaio, dove si faceva riferimento all'articolo 453, proprio la procedura del rito immediato. Sembra escluso, però, che la procura rinunci del tutto al rito immediato per entrambi i reati contestati al premier nella vicenda Ruby e scelga di procedere per via ordinaria attraverso l'udienza preliminare.

Frk

© riproduzione riservata