Venerdì 04 Febbraio 2011

Oggi anche in Siria è prevista una manifestazione anti-regime

Damasco, 4 feb. (TMNews) - Dopo la Tunisia e l'Egitto, la Siria, dove il partito Baath è al potere da circa 50 anni, potrebbe essere il prossimo Paese ad essere colpito dai movimenti di protesta senza precedenti che da dicembre infiammano il mondo arabo, dai Maghreb al Golfo. É quanto sostengono alcuni esperti. "Nessun Paese arabo è al riparo dai movimenti di protesta. Le opposizioni hanno delle rivendicazioni, si sentono lesi dai poteri assoluti e dall'assenza di democrazia", afferma Riad Qahwaji, direttore dell'Istituto del Medio Oriente e del Golfo per le analisi militari (Inegma)."Questi movimenti popolari che guadagnano terreno utilizzando i nuovi mezzi di comunicazione come internet ispirano i Paesi vicini", afferma ancora. Questa settimana, un gruppo ha lanciato su Facebook un appello a manifestare oggi in Siria contro la "monocrazia, la corruzione e la tirannia" e diverse migliaia di persone hanno già dato la loro adesione alla marcia sul social network, riuscendo ad aggirare la censura imposta negli ultimi tempi da Damasco.

ihr

© riproduzione riservata