Venerdì 17 Dicembre 2010

Papa: In Italia vicende tristi e liete, serve concordia

Città del Vaticano, 17 dic. (Apcom) - "Vorrei assicurare che la mia preghiera accompagna da vicino le vicende liete e tristi dell`Italia, per la quale chiedo al Datore di ogni bene di conservarle il tesoro prezioso della fede cristiana e di concederle i doni della concordia e della prosperità": così il Papa nel discorso pronunciato al nuovo ambasciatore d'Italia presso la Santa Sede, Francesco Maria Greco. Quando in Italia sono state "negate, dimenticate o emarginate" le radici cattoliche "si sono causati pericolosi squilibri e dolorose fratture nella vita sociale del Paese", secondo il Papa, che ha ricordato l'anniversario dei 150 anni dell'unità d'Italia. "Uno degli aspetti più rilevanti di quel lungo, a volte faticoso e contrastato, cammino, che ha condotto all`odierna fisionomia dello Stato italiano - afferma Benedetto XVI - è costituito dalla ricerca di una corretta distinzione e di giuste forme di collaborazione fra la comunità civile e quella religiosa, esigenza tanto più sentita in un Paese come l`Italia, la cui storia e cultura sono così profondamente segnate dalla Chiesa cattolica e nella cui capitale ha la sua sede episcopale il Capo visibile di tale Comunità, diffusa in tutto il mondo. Queste caratteristiche, che da secoli fanno parte del patrimonio storico e culturale dell`Italia, non possono essere negate, dimenticate o emarginate; l`esperienza di questi 150 anni - conclude il Papa - insegna che quando si è cercato di farlo, si sono causati pericolosi squilibri e dolorose fratture nella vita sociale del Paese".

Ska

© riproduzione riservata