Mercoledì 15 Dicembre 2010

Goverbo/ Di Pietro: Sento in me responsabilità del tradimento

Roma, 15 dic. (Apcom) - "Sento in me la responsabilità politica di due onorevoli che hanno tradito il partito. Ma sono convinto che qualcosa di traumatico e dirompente sia successo. Perchè tagliassero il cordone ombelicale con noi devono avergli fatto vedere la luna nel pozzo". Lo dice il leader dell'Idv Antonio di Pietro in un'intervista al Corriere della Sera, dopo che due sue parlamentari, Domenico Scilipoti e Antonio Razzi, sono stati fondamentali per il conseguimento della fiducia alla Camera da parte del governo. "Sono stati eletti con i voti dell'Idv e per oltre dieci anni sono stati più antiberlusconiani di me. Sono persone - insiste Di Pietro - prive di strumenti culturali e hanno subito una subornazione da parte di potenti, di Silvio Berlusconi", che "ho denunciato come mandante piduista che ha organizzato la compravendita". Scilipoti, afferma ancora Di Pietro, "è un kamikaze dell'antiberlusconismo", mentre Razzi "è un pover'uomo che si è ritrovato eletto per grazia ricevuta. Se il seggio è scattato - spiega - è perchè in Svizzera ci sono più italiani che in Italia. Tutta colpa di una legge elettorale che va cambiata".

Gic

© riproduzione riservata