Domenica 01 Agosto 2010

Benedetto XVI chiede più vigore per disarmo e diritti umanitari

Roma, 1 ago. (Apcom) - Papa Benedetto XVI ha incoraggiato la comunità internazionale a proseguire con "sempre maggior vigore sulla strada del disarmo e del diritto umanitario internazionale". Recitando l'Angelus dal balcone del Cortile interno del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo, il Santo Padre ha espresso "vivo compiacimento per l`entrata in vigore, proprio oggi, della Convenzione sul bando delle munizioni a grappolo che provocano danni inaccettabili ai civili". Il mio primo pensiero - ha detto - va alle numerose vittime che hanno sofferto e continuano a soffrire gravi danni fisici e morali, fino alla perdita della vita, a causa di questi insidiosi ordigni, la cui presenza sul terreno spesso ostacola a lungo la ripresa delle attività quotidiane di intere comunità. Con l`entrata in vigore della nuova Convenzione, alla cui adesione esorto tutti gli Stati, la Comunità internazionale ha dimostrato saggezza, lungimiranza e capacità nel perseguire un risultato significativo nel campo del disarmo e del diritto umanitario internazionale". "Il mio auspicio e incoraggiamento - ha concluso il Pontefice - è che si continui con sempre maggior vigore su questa strada, per la difesa della dignità e della vita umana, per la promozione dello sviluppo umano integrale, per lo stabilimento di un ordine internazionale pacifico e per la realizzazione del bene comune di tutte le persone e di tutti i popoli".

Pol

© riproduzione riservata