Sabato 10 Luglio 2010

Manovra/ Ok commissione, martedì in Aula. Alt su processi civili

Roma, 10 lug. (Apcom) - Dopo un lungo e tormentato iter in commissione Bilancio del Senato la manovra economica del governo è pronta per l'Aula. La commissione, dopo una maratona di oltre 12 ore, ha approvato ieri il decreto di correzione dei conti per il 2011-2012. Il testo approderà in Aula martedì prossimo e giovedì sarà lincenziato da palazzo Madama con voto di fiducia. Intanto, ieri si è registrata la marcia indietro del governo sull'emendamento Alfano sui processi civili, che è stato stralciato dal provvedimento. Via libera invece al rinvio per il pagamento delle multe per le quote latte e al pacchetto fiscale e di semplificazione per le imprese. E ancora, il taglio dei compensi per amministratori e revisori non si applicherà alle società. Sulle quote latte slitta al 31 dicembre il pagamento per i produttori che hanno aderito alle reateizzazioni previste dalle leggi 33 del 2009 (prima rata) e 119 del 2003 (sesta rata). Per quanto riguarda l'emendamento Alfano, dopo la presentazione a sorpresa del testo mercoledì e la riformulazione giovedì, il governo ha deciso di stralciare la corposa norma per tagliare le cause civili, spiegando che le misure saranno ripresentate e arricchite in un disegno di legge ad hoc. Con la proposta l'esecutivo puntava a completare l'intervento avviato un anno fa sul processo civile aggiungendo a quelle norme una nuova operazione volta a smaltire un milione e mezzo di cause arretrate nell'arco dei prossimi tre anni. Adesso gli occhi sono tutti puntati sull'Aula, dove la manovra approderà martedì. Tranne alcune modifiche già annunciate - come quella sull' Abruzzo che estenderà a 120 le rate per la ripresa dal 1 gennaio 2011 dei versamenti tributari e contributivi nei territori colpiti dal sisma - non dovrebbero esserci sorprese nel maxiemendamento del governo, che dovrà recepire il testo della commissione. Nessuna spazio per modifiche neanche a Montecitorio, dove il decreto sarà in Aula dal 26 luglio.

Gab

© riproduzione riservata