Domenica 04 Luglio 2010

Berlusconi: Nessun taglio alle tredicesime

Roma, 4 lug. (Apcom) - Nella manovra economica "non ci sarà nessuna riduzione delle tredicesime". Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi, intervistato dal Tg4, spiegando di voler "smentire le notizie" su una riduzione delle tredicesime ad alcuni lavoratori tra cui carabinieri e poliziotti, contenuta in un emendamento alla manovra. Berlusconi ha spiegato di "aver letto poco fa che nella manovra è prevista una riduzione delle tredicesime per le forze dell'ordine", aggiungendo di "voler smentire queste notizie nella maniera più assoluta". Dopo l'annuncio arriva dunque la marcia indietro: non ci sarà alcun taglio alle tredicesime delle forze dell'ordine, lo ha detto in precedenza anche il ministro della Difesa e coordinatore del Pdl Ignazio La Russa spiegando di aver parlato con il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. "Non vi è nessuna ipotesi che prevede la possibilità di alcun taglio delle tredicesime per il personale del comparto sicurezza. Per evitare ogni confusione - aggiunge - il ministro Tremonti mi ha preannunciato che con ogni probabilità eliminerà anche la semplice possibilità facoltativa di optare per questa soluzione". Il cambiamento di rotta segue le numerose reazioni dopo l'annuncio di venerdì di un emendamento alla manovra in discussione al Senato con una norma che avrebbe previsto possibili tagli per le tredicesime di magistrati, Forze armate, Forze di Polizia, Vigili del Fuoco, professori e ricercatori universitari, personale di carriera prefettizia, personale diplomatico e personale di carriera dirigenziale penitenziaria. La novità era introdotta a copertura di una nuova norma che prevede di escludere promozioni, straordinari e arretrati dai tagli della pubblica amministrazione. Il relatore alla manovra, Antonio Azzollini (Pdl), aveva spiegato ai microfoni di SkyTg24 che si tratterebbe solo di una "opzione in più". Un'opzione che però ieri mattina ha scatenato le proteste dei sindacati di polizia incluso il Sap che ha parlato di "reazioni durissime"; della Lega che non era "disposta" ad alcun taglio: poliziotti e carabinieri "stiano tranquilli" ha detto il presidente al Senato Gederico Bricolo; e ancora di diverse voci nel Pdl fra cui Maurizio Gasparri e Giuseppe Valditara.

Bac/Ral/

© riproduzione riservata