Sabato 29 Maggio 2010

Gay Pride a Mosca: in centro bandiera Arcobaleno di 20 metri

Mosca, 29 mag. (Apcom-Nuova Europa) - Alla fine ci sono riusciti. Gli organizzatori del Gay Pride hanno steso una bandiera arcobaleno di 20 metri su Leninskij Prospekt una delle arterie principali della capitale russa. La manifestazione, senza il permesso delle autorità municipali, si è tenuta dopo una specie di caccia al tesoro dove la stampa internazionale si è trovata sballottata da una parte all'altra della capitale, in una serie di appuntamenti a catena, fatti a posta per seminare le forze dell'ordine. In tutti i precedenti tentativi di gay pride a Mosca le forze speciali Omon erano intervenute bloccando gli incontri tra gli attivisti dei diritti per gli omosessuali e gli ultraortodossi. Questa volta, invece, tutto è avvenuto al di fuori dell'attenzione del sindaco Juri Luzhkov. All'odierno Gay Pride hanno partecipato anche esponenti dei parlamenti europei come il tedesco Volker Beck, appartenente alla fazione dei Verdi al Bundestag. È la prima volta che il movimento per l'orgoglio omosessuale riesce ad eludere le autorità locali. Giusto un'ora fa l'organizzatore Nicolai Alexev, in una conferenza stampa improvvisata, alla periferia di Mosca, in uno dei tanti appuntamenti di questa "folle caccia al tesoro" aveva annunciato che alla manifestazione avrebbero preso parte 35 persone. Grande presenza della stampa internazionale e oltre a esponenti di Ong internazionali come il francese Louis-Georges Tin, fondatore dell'International Day Against Homophobia and Transphobia.

Cgi/Ral

© riproduzione riservata