Giovedì 20 Maggio 2010

Ciancimino:Mafia poteva condizionare discesa politica Berlusconi

Roma, 20 mag. (Apcom) - "Mio padre mi raccontava che secondo lui in questo contesto di estorsioni, di condizionamenti di cosa nostra nei confronti della politica e dell'imprenditoria, una delle maggiori vittime era Berlusconi, anche per il suo ruolo di imprenditore di spessore". Così Massimo Ciancimino, figlio del sindaco di Palermo 'don Vito', in un'intervista rilasciata a Blog Sicilia. Certo, precisa Ciancimino, "le vere vittime della mafia sono persone come Falcone e Borsellino. Io ho detto che in un sistema di potere, di estorsione e di ricatti una delle più grosse vittime era Berlusconi. Mio padre lo considerava una vittima in quanto cosa nostra era così a conoscenza di elementi e di notizie da poter condizionare la vita imprenditoriale di Berlusconi e determinare la sua scelta di scendere in politica". "Non è una difesa di Berlusconi - conclude Ciancimino - di cui poi certo lui non ha bisogno".

Sav

© riproduzione riservata